fbpx
I TUOI ITINERARI SALVATI (0)

Bhutan: thimpu tshechu

Gli Dzong, i monumentali edifici sparsi come cittadelle in tutto il paese sono insieme fortezze, monasteri, centri amministrativi e sociali. Agli Dzong si riferiscono le tante feste, o meglio “Tsechu”, in onore delle divinità tutelari che movimentano la vita delle comunità. E a ogni festa si assiste a vere e proprie migrazioni da un villaggio all’altro. Durante la festa nei cortili dei monasteri si susseguono danze, riti, preghiere, giochi e gare, secondo una liturgia lamaista che assume forme spettacolari e simboliche.
Gli abiti sfarzosi dei pellegrini dal volto mascherato, i loro movimenti e le evoluzioni di tutti danzatori suggeriscono storie mitologiche e fiabesche dove il bene è in eterna lotta con il male. Questo messaggio giunge in modo diretto anche ai visitatori che poco comprendono le simbologie dottrinali del buddismo lamaista. Questo viaggio è organizzato per partecipare alla festa dello dzong di Thimpu, capitale del Bhutan adagiata a circa 2300 metri nella valle del fiume
Wang Chu, tra le risaie digradanti e i salici piangenti.

Costo

Su richiesta

Durata

13gg

Tipologia viaggio

Viaggio di gruppo, Viaggio evento

Per partenze entro il

31/03/2019

TAPPE PRINCIPALI DELL'ITINERARIO

Delhi, Bagdogra, Phuntsholing, Thimpu, Punakha, Paro, Calcutta

  • Itinerario
  • GIORNO
    1

    ITALIA / DELHI

    Partenza per Delhi con voli di linea.

  • GIORNO
    2

    DELHI

    Arrivo e disbrigo delle formalità di frontiera. Trasferimento in hotel. Tempo libero. Pasti e pernottamento.

  • GIORNO
    3

    DELHI / BAGDOGRA / PHUNTSHOLING (160 KM - 4 ORE)

    Prima colazione, trasferimento in aeroporto e partenza per Bagdogra, la principale città di accesso alla vasta regione del Bengala nord-occidentale. Seconda colazione. Si prosegue attraversando un territorio ai piedi della catena himalaiana, circondato da coltivazioni di thè, fiumi e fitte foreste popolate da elefanti, da "gaur" il bisonte indiano, daini, rinoceronti bianchi e ultimi esemplari di tigri del Bengala.
    Si prosegue per Jaigaon/Phuntsholing (divise solo dalla Bhutan Border Gate) dove si espletano le formalità di frontiera. Phuntsholing è la città di confine butanese e simbolo del passaggio dall'universo induista a quello del buddismo lamaista. Arrivo e sistemazione in hotel. Cena e pernottamento.

  • GIORNO
    4

    PHUNTSHOLING / THIMPU (170 KM - 4 ORE)

    Il Bhutan o Druk-Yul, il Paese del Drago incastonato tra India e Tibet nell'Himalaya orientale è un minuscolo regno di monaci e contadini. È caratterizzato da quieti verdi vallate coltivate a risaie tra grandi foreste di abeti, pini e rododendri. Il paesaggio è costellato da piccoli villaggi dalle abitazioni finemente decorate secondo la simbologia buddista.

    Prima colazione e partenza per Thimpu. Sosta per la visita del Gompa Kharbandi, posto tra una rigogliosa vegetazione di piante e fiori tropicali. Il monastero contiene pitture che illustrano la vita di Buddha e statue di Shabdrung Ngawang Namgyal e del Guru Rimpoche, e offre una piacevole vista panoramica sulle piane del Bengala occidentale.

    Si prosegue quindi il viaggio in questo regno fuori dal comune tra mistero e realtà che più di tutti ha potuto preservare la propria cultura, il codice etico e le tradizioni legate al buddismo Mahayana o del Grande Veicolo. Secondo questa espressione del buddismo la fede di alcuni sarà abbastanza grande da condurre alla salvezza tutta l'umanità. Giunti a Chapcha il percorso raggiunge il suo punto più alto (2.800 metri) e poi subito ridiscende verso le rive del fiume Wang Chu. Altre due ore di viaggio ci portano fino a Thimpu, capitale del Bhutan. Seconda colazione in corso di viaggio. Arrivo e sistemazione in hotel. Cena e pernottamento.

  • GIORNO
    5

    THIMPU

    Prima colazione. Fino a poco tempo Thimpu era un villaggio rurale situato in una fertile valle: oggi è la vivace capitale della nazione. Vista del National Memorial Chorten, con lo stupa commemorativo eretto in onore del terzo Re scomparso nel 1972 e del maestoso Tashichhodzong, "la fortezza della religione gloriosa", che comprende uffici governativi e amministrativi e la stanza del Trono del Re.

    Nell'ampio cortile si svolge la festa Thimpu Tsechu in onore del veneratissimo Guru Rimpoche o Padmasambhava o "Prezioso Maestro" considerato il primo diffusore del buddismo in Tibet. Seconda colazione. Tempo a disposizione per assistere ad altre rappresentazioni. I Butanesi giungono allo Dzong di Thimpu da ogni parte del Paese, vestiti con i loro abiti più belli, per partecipare alle cerimonie e alle danze che porteranno loro tanta fortuna e la realizzazione dei loro desideri. Cena e pernottamento.

  • GIORNO
    6

    THIMPU

    Prima colazione e visita del piccolo monastero di Kharbandi. Il Paese ha un numero enorme di edifici religiosi, dislocati quasi tutti in posizioni remote per dare ai monaci ancor più pace e solitudine. I monasteri, detti "goemba", termine corrispondente al tibetano "gompa" sono tutti diversi tra loro pur mantenendo alcune simili caratteristiche in base all'utilizzo. Seconda colazione. Tempo a disposizione per assistere agli spettacoli del festival culturale. Cena e pernottamento.

  • GIORNO
    7

    THIMPU / PUNAKHA (75 KM - 2/3 ORE)

    Prima colazione e partenza per Punakha, antica capitale del Paese nel Bhutan centrale. Facendo un percorso estremamente pittoresco, la strada sale in un susseguirsi di curve che raggiungono il Dochu La Pass a 3.048 metri. La vista panoramica è mozzafiato, all'orizzonte si staglia la catena himalaiana e il monte Gankar Punsum che con i suoi 7.550 metri è la vetta più alta del Bhutan. In seguito la strada ridiscende verso la valle per giungere a Punakha (1.300 metri), un immenso palazzo fortificato.

    Visita dello dzong di Punakha "Pungthang Dechen Phodrang" o "Luogo della grande felicità" collocato alla confluenza dei fiumi Phochu e Mochu. Costruito nel 1637 da Shubdrung Nawang Namgyal, ed attuale residenza invernale del capo abate Je-Khenpo, nonostante i rimaneggiamenti subiti nel tempo, rappresenta uno degli edifici più maestosi e rappresentativi dell'architettura bhutanese. Seconda colazione. Piacevole passeggiata e visita di Chimi Lhakhang, il tempio del monaco chiamato il "folle divino". Cena e pernottamento.

  • GIORNO
    8

    PUNAKHA

    Pensione completa. Intero giorno libero da dedicare ad una personale esplorazione di Punakha.

  • GIORNO
    9

    PUNAKHA / PARO (120 KM – 4 ORE)

    Prima colazione e partenza per Paro, antico centro situato a 2200 metri. All'arrivo visita dello Ta Dzong, inaugurato come Museo Nazionale del Bhutan nel 1968 e in origine costruito come torrione difensivo dello Dzong Rimpung. Contiene un'affascinante collezione di reperti, manufatti e oggetti religiosi, nonché thangkha e pitture. Lo Dzong Rimpung ospita ancora oggi il corpo monastico di Paro, gli uffici amministrativi e il tribunale. Paro si presenta come un mosaico di risaie circondate da salici piangenti, da montagne boscose e sullo sfondo vette perennemente innevate. Seconda colazione. Cena e pernottamento.

  • GIORNO
    10

    PARO (TAKTSANG)

    Prima colazione. Partenza per la visita del monastero di Taktsang (detto anche il nido della tigre) luogo di fervente pellegrinaggio, raggiungibile a piedi (circa 6 ore andata/ritorno) o in parte a cavallo. La posizione è particolarmente impervia poiché sorge su uno spuntone roccioso dell'altezza di circa 900 mt, sovrastando la spettacolare vallata sottostante. La leggenda racconta che il Guru Rimpoche arrivò qui cavalcando una tigre e vi si fermò a lungo per meditare, trasformandolo in un luogo sacro per tutti i buddisti del Bhutan. Seconda colazione. Rientro a Paro. Cena e pernottamento.

  • GIORNO
    11

    PARO / CALCUTTA

    Prima colazione. Mattino libero. Trasferimento in aeroporto e partenza per Calcutta. Arrivo e trasferimento in hotel. Seconda colazione libera. Nel pomeriggio visita della città. Calcutta è la capitale del Bengala, una delle metropoli più grandi del mondo, eletta capitale della dominazione britannica in India. La città, così amata da Madre Teresa, è legata ad una immagine di povertà e sofferenza che risponde al vero soltanto in parte, come del resto molte altre città dell'India. Il Bengala è l'unico stato indiano retto da una amministrazione comunista e Calcutta è riconosciuta quale capitale culturale dell'India intera. Qui si trovano molti aspetti interessanti da esplorare, soprattutto a sud del ponte Howrah: il Maidan, il Victoria Memorial, la cattedrale di St. Paul e la Chowringhee Road, il cuore della città.

  • GIORNO
    12

    CALCUTTA / ITALIA

    Prima colazione. Tempo libero. In tempo utile trasferimento in aeroporto per il volo di rientro.

  • GIORNO
    13

    ITALIA

    Arrivo previsto in mattinata.

SALVA L’ITINERARIO TRA I PREFERITI

Dettagli di viaggio

VISTO

Bhutan: Obbligatorio (USD 40)

India: Obbligatorio (visto di ingresso multiplo India da € 90,00)

HOTEL PREVISTI

Su richiesta

ISCRIZIONE ASSICURAZIONE MEDICA E BAGAGLIO

€ 85,00 (rimborso spese mediche fino a € 10.000)

CONDIZIONI INDIVIDUALI DI PARTECIPAZIONE

Prezzi su richiesta

ASSICURAZIONE PER ANNULLAMENTO VIAGGIO (FACOLTATIVA)

Su richiesta (circa il 4% del totale)

 

LA QUOTA BASE COMPRENDE

Su richiesta

 

LA QUOTA BASE NON COMPRENDE

Su richiesta