I TUOI ITINERARI SALVATI (0)

Etiopia: l’altro sud

Il Sud dell’Etiopia è ancora capace di sorprendere anche il più esperto dei viaggiatori, anche se da anni le regioni meridionali dell’Etiopia sono percorse dai fuoristrada del turismo organizzato. I popoli del Grande Sud non sono dunque più sconosciuti. I circuiti degli operatori turistici sono diventati percorsi battuti mille e mille volte.

Ma ci sono regioni, nella valle dell’Omo ancora lontane, quasi segrete, invisibili. Basta scartare gli itinerari consolidati, raggiungere vallate e colline solitarie, lontane dall’asfalto delle strade principali. Ci sono villaggi e popolazioni che hanno difeso il loro equilibrio con la natura. Gente che conserva, con orgoglio, tradizioni e storia. Questo è il nostro viaggio. Usciamo dalle rotte abituali del turismo internazionale per andare alla ricerca dei mercati tradizionali visitando villaggi di contadini, cacciatori e pescatori. Saremo accolti da piccole comunità di uomini e donne. È un viaggio diverso, è l’esplorazione di un’Africa nera, uno dei cuori più belli e incontaminati del continente.

Partenze da Addis Abeba ogni giovedì.

 

Gruppi confermati (2018):

22 marzo,

24 maggio

21 giugno

19 luglio

16 agosto

13 settembre

1 novembre

6 dicembre

Costo

A partire da € 1.827,00

Durata

11gg

Tipologia viaggio

Viaggio individuale

Da prenotare entro il

31/12/2018

TAPPE PRINCIPALI DELL'ITINERARIO

Addis Abeba, Ziway, Maze Park, Gamo, Jinka, Benna, Turmi, Konso, Sodo, Yergalem

  • Itinerario
  • GIORNO
    1

    ADDIS ABEBA/ZIWAY (170 KM, 3 ORE CIRCA) - ARRIVO

    Arrivo ad Addis Abeba. Disbrigo delle procedure di ingresso nel Paese. Ritiro del bagaglio e incontro con la guida.

    Si inizia il viaggio con una colazione in un caffè della capitale e la vista del rinnovato museo Nazionale. Si prosegue quindi verso sud fino al lago Ziway. Qui si può ammirare una natura esuberante con una ricca avifauna attorno al lago dove vive una popolazione di pescatori e pastori.

  • GIORNO
    2

    ZIWAY/MAZE PARK (290 KM, 4 ORE CIRCA)

    In mattinata si prosegue per Sodo, dove si giunge per l’ora di pranzo dopo aver fatto una sosta presso un villaggio Wolayta, popolazione principalmente dedita all’agricoltura.

    Si prosegue poi lungo la pista che punta verso occidente nelle terre Wolayta, un fertile altopiano coltivato a cereali. I villaggi si compongono di comunità familiari autosufficienti. Si coltiva l’ensete (o “falso banano”), la manioca e altri tuberi come lo yam. Bellissimi gli alberi di mango e papaia. Dall’ensete, coltivazione tradizionale di molti popoli del sud dell’Etiopia, si ricava una sorta di pane scuro chiamato korcho. Ha un sapore acido e si ricava dalla polpa delle foglie di questo “falso banano” lasciata a macerare sotto terra. Nel pomeriggio si entra nel Maze Park, vasta area protetta (220 km quadrati) creata per difendere la bella antilope di Swaynes.

    Notte in campo.

  • GIORNO
    3

    MAZE PARK/VILLAGGIO GAMO (60 KM, 2 ORE CIRCA)

    Al mattino esplorazione del parco.

    Birdwatching e appostamenti per osservare i movimenti delle antilopi e di altri animali. Il viaggio porta attraverso grandi paesaggi rurali fino alla terra dei Gamo, una popolazione contadina che ha una struttura sociale organizzata in clan. Sono un popolo orgoglioso che conserva le tradizioni in modo autentico. Il loro nome ricorda la forza del leone e infatti sono ritenuti grandi cacciatori. Il sabato, si svolgono diversi mercati che dal tardo pomeriggio si protraggono fino a notte inoltrata con i banchi illuminati da centinaia di lumini a olio.

    Notte in campo.

  • GIORNO
    4

    VILLAGGIO GAMO /JINKA (160 KM, 5 ORE CIRCA)

    Al mattino partenza per Jinka lungo una bella pista che attraversa il territorio dei Male.

    Da qui è territorio degli Ari, una popolazione di laboriosi agricoltori che sfruttano al meglio la terra che coltivano, con i loro villaggi ordinati e le capanne affrescate con dipinti dai colori naturali. I disegni murali ricordano i lavori degli aborigeni dell’Australia.

    A Jinka si visita il Museo Etnografico, interessante compendio delle varietà e somiglianze dei popoli della regione. Si visita anche un progetto originale: il recinto dell’ospedale della città dove ha trovato posto un centro di recupero e valorizzazione delle piante medicinali. Nel giardino si coltivano e studiano le proprietà di diverse specie vegetali locali secondo le conoscenze ancestrali della popolazione del posto.

  • GIORNO
    5

    JINKA/MURSI/BENNA (230 KM, 4 ORE CIRCA)

    Al mattino partenza verso il parco di Mago, uno dei territori più belli del Grande Sud.

    Qui si trovano ancora gruppi di elefanti, mandrie di bufali e kudu. I naturalisti hanno censito 81 mammiferi endemici. Questo è un vero paradiso di uccelli: se ne contano 237 specie. È la regione dei Mursi, fra le popolazioni più famose di tutta l’Africa. Si tratta di gente superba, a volte scontrosa, che vive in simbiosi con le loro vacche, grandi animali dalle corna smisurate a forma di cuore. I Mursi sono un popolo nilotico che ha sempre sorpreso chi si è avventurato nelle loro terre: gli uomini aggressivi, grandi cacciatori, e le donne che si deformano il labbro inferiore con un piattello labiale.

    Ritorno a Jinka in tempo per visitare uno dei mercati meno conosciuti ma molto affascinanti perché punto di incontro di tre etnie: Male, Benna e Ari.

    La sera si raggiunge un villaggio Benna dove si campeggia per la notte.

  • GIORNO
    6

    BENNA/KARO/TURMI (145 KM, 2.30 ORE CIRCA)

    I Benna sono pastori-agricoltori di lingua omotica. È probabile che siano un clan del più numeroso popolo degli Hamer con cui condividono le stesse tradizioni. A differenza degli Hamer gli uomini hanno i capelli acconciati a treccine con ornamenti fatti di perline blu e azzurre; le donne invece portano in testa un copricapo fabbricato con una zucca tagliata a metà.

    Dopo la visita ai loro villaggi, si effettua un facile trekking in piano per raggiungere il loro mercato del martedì. Camminare fianco a fianco con le donne dirette al mercato è un’esperienza unica. Nel pomeriggio si arriva fino al villaggio dei Kara, altro clan degli Hamer che si è specializzato nella pesca e che si trova in uno dei posti più panoramici della valle dell’Omo.

    Arrivo a Turmi e notte in Lodge.

  • GIORNO
    7

    GHERALTA/MAKALLE (100 km. 2,30 ore)

    Si attraversa la regione Hamer per arrivare alle sponde del mitico fiume Omo dove, navigando su una barca a motore, si assiste alla vita sul fiume della popolazione che ci abita.

    Siamo in un territorio remoto, di frontiera, a un passo dal confine con il Kenya. All’orizzonte si alza il monte Kenya. L’Omo è il fiume dei Dessanech che popola le sponde meridionali dell’Omo. I Dessanech vivono sulle isole del delta; sono pastori e pescatori che utilizzano grandi reti a maglie strette navigando in canoe tagliate da tronchi d’alberi. Questa è una regione incantata per chi ama l’osservazione degli uccelli. Rientro a Turmi e proseguimento verso un villaggio Hamer che ci accoglie per passare una serata diversa e particolare.

    Sistemazione in campo o lodge.

  • GIORNO
    8

    TURMI/KONSO (200 KM, 2.30 CIRCA)

    Al mattino si osservano le attività mattutine nel villaggio Hamer prima di proseguire peri Key Afer, dove il giovedì si tiene un altro mercato molto movimentato e vario.

    Poi incontro con i Konso, popolo emblematico della valle del rift: grandi coltivatori, hanno letteralmente scolpito un paesaggio unico, in cui le colline sono interamente modellate da terrazzamenti e solcate da canalizzazioni di una perfezione tecnica ammirabile, riconosciute patrimonio dell’Umanità dall’Unesco. Con una bella passeggiata che attraversa uno dei villaggi più grandi si possono apprezzare i valori di questa cultura.

  • GIORNO
    9

    KONSO/ARBA MINCH/SODO (220 KM, 4 ORE CIRCA)

    Si riprende il viaggio verso nord risalendo la Rift Valley fino alla città di Arba Minch, le “quaranta sorgenti”.

    È la capitale della regione del Gamo Gofa con una splendida geografia: si trova infatti su una collina che sovrasta i laghi Chamo e Abbaia, i due laghi più meridionali del Rift Etiopico. I due laghi sono separati da una stretta striscia di terra conosciuta come il Ponte del Paradiso e offre panorami spettacolari.

    Ci regaliamo una gita in barca sul lago Chamo per poter osservare coccodrilli e ippopotami mentre in cielo si ammirano bellissimi voli degli uccelli che popolano i due laghi. Nel pomeriggio si continua verso nord per arrivare a Sodo, città di incontro e agglutinamento di diverse etnie.

  • GIORNO
    10

    SODO/YERGALEM (180 KM, 4-5 ORE CIRCA)

    Si parte per la regione Sidamo: attraverseremo Shashemene e Awassa, e proseguiremo verso il cuore della regione Sidamo dove si trova uno dei lodge più belli del sud dell’Etiopia, l’Aregash lodge, da cui potremo visitare le piantagioni di caffè e gli accoglienti villaggi Sidamo dei dintorni. Qui si preparano l’ensete e il caffè.

    In serata al lodge si potranno osservare le iene che vengono nutrite dal personale.

  • GIORNO
    11

    YERGALEM/ADDIS ABEBA (275 KM, 5-6 ORE CIRCA) - PARTENZA

    Al mattino trasferimento ad Awassa e passeggiata sul lungo lago.

    Visiteremo il mercato del pesce prima di partire per Addis Abeba, che si raggiungeremo verso mezzogiorno. Nel pomeriggio possibilità di effettuare uno shopping diverso, visitando cooperative artigianali che commercializzano direttamente i loro prodotti. Dopo un breve riposo in hotel si saluta l’Etiopia con una cena accompagnata da balli folcloristici.

    In tempo utile trasferimento in aeroporto.

SALVA L’ITINERARIO TRA I PREFERITI

Dettagli di viaggio

VISTO

Da € 70,00. Possibilità di ottenerlo all’arrivo ad Addis Abeba, al costo di circa € 50,00.

HOTEL PREVISTI

Hotel 4 stelle

ISCRIZIONE ASSICURAZIONE MEDICA E BAGAGLIO

€ 85,00 (rimborso spese mediche fino a € 10.000)

CONDIZIONI INDIVIDUALI DI PARTECIPAZIONE

La quota base s’intende a persona e prevede la sistemazione in camera doppia.

 

Minimo 2 persone: € 1.827,00

Supplemento singola: € 240,00

DOCUMENTI

Per fare questo viaggio occorre un passaporto valido per almeno 6 mesi dalla data di partenza. Sono necessarie anche 2 foto formato tessera a colori, recenti.

 

ASSICURAZIONE PER ANNULLAMENTO VIAGGIO (FACOLTATIVA)

Su richiesta (copre circa il 4% del totale)

Cambi applicati: 1 USD = 0,85 €. Adeguamento valutario, se necessario, entro 20 giorni dalla data di partenza.

 

LA QUOTA BASE COMPRENDE

Trasferimenti con veicoli fuoristrada con carburante e autista-guida (fino 4 persone); guida di lingua italiana (da 5 persone in poi); alloggio e campeggi in hotel a pensione completa; veicolo di appoggio con il materiale da campeggio; cuoco professionista con materiale da campeggio e cucina; acqua minerale ai pasti; ingressi ai villaggi e parchi nazionali; gita in barca sul lago Chamo e delta dell’Omo; tasse locali; documenti e set da viaggio.

 

LA QUOTA BASE NON COMPRENDE

I voli internazionali; escursioni facoltative; bevande; mance; ingressi per video camere dove previsti, spese personali e quanto altro non indicato in “La quota base comprende”.