I TUOI ITINERARI SALVATI (0)

Giappone: viaggio di gruppo. I colori autunnali e Naoshima

Il Giappone è un grande arcipelago composto da quattro isole principali circondate da una miriade di isole e isolotti minori, estremo baluardo del continente asiatico. Una perfetta capacità di intuire, studiare, indagare, rielaborare e riprodurre ha consentito al popolo giapponese, così tenace e paziente, di raggiungere risultati straordinari nella sua conversione alla modernità. Tutto il moderno sistema economico e sociale si basa sul lavoro di ogni singolo individuo in totale e piena dipendenza dal gruppo o “famiglia” a cui appartiene. Il lavoro incessante e comunitario pone la collettività al di sopra di ogni altro interesse.

Ogni azione, in Giappone, tiene e deve tener conto dell’altro: si usa la mascherina, quando si è raffreddati, per non propagare la propria virulenza ai vicini e si usano i guanti alla guida di un’auto che potrà essere usata da altri. L’inchino è un dovere, sentito e profondo. È un segno della tradizione e di grande rispetto con cui si sottolinea la scala gerarchica. Gli evidenti contrasti sociali, il rigore delle tradizioni, la maniacale propensione all’organizzazione e all’efficienza, la perfetta armonia dei giardini, l’inquietudine, la frenesia richiederebbero mesi di permanenza solo per cogliere la parte superficiale di una cultura millenaria e permeabile fortemente lontana dalla nostra.

Dal 25 ottobre al 6 novembre.

Costo

A partire da € 4.090,00

Durata

13gg

Tipologia viaggio

Viaggio di gruppo

Da prenotare entro il

25/10/2018

TAPPE PRINCIPALI DELL'ITINERARIO

Tokyo, Kamakura, Kyoto, Okayama, Kurashiki, Naoshima, Osaka

  • Itinerario
  • GIORNO
    1

    25 OTTOBRE ITALIA/TOKYO

    Partenza per Tokyo con volo di linea. Pasti e pernottamento in volo.

  • GIORNO
    2

    26 OTTOBRE TOKYO - ARRIVO

    Arrivo in serata. Disbrigo delle pratiche doganali, incontro con l’assistente e trasferimento in hotel in limousine bus. Pernottamento.

  • GIORNO
    3

    27 OTTOBRE TOKYO

    Prima colazione e visita con mezzi pubblici.

    Visita di Shinjuku, uno dei 23 quartieri speciali di Tokyo, dove si trova lo Shinjuku Gyoen, uno dei più grandi parchi, con paesaggi alla francese e alla giapponese. Visita dello ieratico e sontuoso Santuario di Meji: il santuario più bello di Tokyo, un’oasi di tranquillità nel bel mezzo del trambusto metropolitano, dedicato all’Imperatore Meiji (1850-1914) e a sua moglie, dal quale si irradia calma e dignità. Si proseguirà per il quartiere di Harajuku, fucina di stili di strada e di tendenze giovanili estremamente innovative (le famose ragazze ‘Cosplay zoku’ con i loro vestiti improbabili). Quindi visita di Omotesando, detta anche “Via dell’Architettura”, dove alcuni degli architetti più importanti del mondo hanno dato sfoggia della loro vera e propria arte nel costruire edifici in acciaio, cristallo e legno. Seconda colazione in ristorante locale.

    Pernottamento.

    La città non ha un unico centro in quanto si è formata dall’unione di tanti villaggi che hanno mantenuto una certa autonomia e hanno formato una sorta di grande costellazione. Tutte le costruzioni sono indipendenti, difformi, eclettiche, come se nascessero in estrema libertà senza il coordinamento di un piano regolatore. La lotta con il tempo e la rapida modernizzazione non hanno consentito di assimilare profondamente i modelli stranieri che invece hanno permeato facilmente la cultura locale. In realtà i giapponesi vivono il concetto di durata e stabilità in modo effimero, transitorio e diverso dagli occidentali; ciò spiega una città non caratterizzata, disarmonica, caotica, aggrovigliata e disordinata. Le tipiche case di legno con le fragili porte scorrevoli sottolineano il carattere transitorio della casa, che implica la necessità di ricostruire in continuazione come un’araba fenice che continuamente nasce e muore in un ciclo di vita perenne.

    Una città pratica, dunque, voluta per agevolare l’uso delle strutture sociali piuttosto che per realizzare il classico “bel luogo” in cui vivere. In fondo ai giapponesi basta poco per ritrovare se stessi e appagare la loro sete estetica: basta guardare la finezza, la meticolosa cura con cui sono realizzati gli splendidi giardini, luoghi di meditazione e contemplazione dove l’arte raggiunge livelli altissimi di perfezione e ogni più piccolo dettaglio è un simbolo di una dimensione interiore profondissima.

  • GIORNO
    4

    28 OTTOBRE TOKYO

    Prima colazione e visita con mezzi pubblici.

    Giornata dedicata al completamento visita della città di Tokyo. Ricordiamo il mercato del pesce di Tsukiji, i quartieri di Ginza e Akihabara, con i suoi manga e i maid cafè, il giardino giapponese di Hamarikyu e la suggestiva baia di Tokyo, dove percorrendo la famosa monorotaia di Tokyo si arriva fino a Odaiba. Seconda colazione in ristorante locale.

    Pernottamento.

  • GIORNO
    5

    29 OTTOBRE TOKYO/KAMAKURA/TOKYO

    Prima colazione ed escursione in treno alla bellissima cittadina di Kamakura. Cena e pernottamento.

  • GIORNO
    6

    30 OTTOBRE TOKYO/KYOTO

    Prima colazione e mattino libero. In tempo utile partenza con treno Shinkansen per Kyoto. Cena e pernottamento.

  • GIORNO
    7

    31 OTTOBRE KYOTO

    Prima colazione.

    Visita di Kyoto, città che fu capitale del paese per più di mille anni fino al termine del periodo Edo, dal 794 al 1868. Oggi la città è ricca di innumerevoli templi e monumenti circondati da splendidi giardini. Inoltre è sede di molte attività artigianali e industriali per la produzione di sete, broccati, lacche, terracotta, porcellane, ventagli e altro ancora. Visita della foresta di bambù di Arashimaya e del quartiere tradizionale di Gion. Seconda colazione in ristorante locale.

    Pernottamento.

  • GIORNO
    8

    1 NOVEMBRE KYOTO

    Prima colazione e continuazione delle visita con mezzi pubblici.

    Ricordiamo il castello di Nijo costruito nel 1603 dal primo shogun dell’epoca Edo, e il Palazzo Imperiale, residenza della famiglia imperiale dal 1331 al 1868. E ancora visita del tempio Kinkaku-ji, il famoso “padiglione d’oro” ricoperto da lamine dorate. Infine visita del tempio Kiyomizu-dera, in splendida posizione in mezzo ai boschi sulle pendici di un monte con le strade Ninen-zaka e Sannen-zaka. Seconda colazione in ristorante locale.

    Pernottamento.

  • GIORNO
    9

    2 NOVEMBRE KYOTO/OKAYAMA

    Prima colazione.

    Trasferimento alla stazione ferroviaria e partenza con treno per Okayama. Nel pomeriggio inizio delle visite di Okayama (con mezzi pubblici), con i suoi contrasti, le sue vie tradizionali e i quartieri moderni. Il quartiere di Ashimori ci farà rivivere lo stile di vita dei Samurai all'epoca Edo; il Santuario Saijo-Inari Shrine è importante per comprendere la relazione tra buddismo e shintoismo in Giappone. Ricordiamo inoltre il bellissimo giardino Kenrokuen, insieme a quello di Kanazawa e Mito considerato fra i più belli di tutto il Giappone. Seconda colazione in ristorante locale.

    Pernottamento.

  • GIORNO
    10

    3 NOVEMBRE OKAYAMA/KURASHIKI/OKAYAMA

    Prima colazione.

    Escursione con treno espresso a Kurashiki, un'antica città di mercanti e all'epoca signorile, porto attivo per il commercio del riso. Diversi vecchi magazzini del riso testimoniano quest'epoca. Un'atmosfera d'altri tempi e numerosi musei contribuiscono al fascino della città. Visita dell'antica residenza della famiglia Ohashi e il quartiere storico Bikan. Rientro a Okayama nel pomeriggio. Seconda colazione in ristorante locale.

    Pernottamento.

  • GIORNO
    11

    4 NOVEMBRE OKAYAMA/NAOSHIMA/OKAYAMA

    Prima colazione e partenza in traghetto per l'isola di Naoshima e giornata di visita. Rientro in serata sempre in traghetto. Pasti liberi. Pernottamento.
    Naoshima, piccola isola giapponese di pescatori, è riuscita in pochi anni a divenire meta ambita di un turismo d'élite di amatori dell'arte contemporanea.

    Benesse Art Site Naoshima è il nome con cui la Benesse Holdings Inc. e la Fukutake Foundation, che si occupano di servizi educativi con sede nella città di Okayama, indicano una serie di attività, da loro finanziate, legate all'arte contemporanea che si svolgono sulle vicine isole di Naoshima, Teshima e Inujima nel mare Seto, in Giappone.
    Il Benesse House Museum sono una serie di edifici progettati da Tadao Ando e con spazi all'aperto per la creazioni di opere a cui hanno aderito i rinomati Richard Long, Bruce Nauman e Jennifer Bartlett, solo per citarne alcuni.

    L'eccezionalità di questi interventi sta nella natura unica del contesto in cui le opere si insediano in totale armonia con la natura e con la tradizione del Giappone. Le opere d'arte sono presenti in tutta l'isola di cui occupano indiscriminatamente ogni luogo, perché il contatto con la vita possa alimentare sempre la loro forza e rinnovarle ogni giorno.

    Il Chichu Art Museum, ancora una volta opera di Ando, è ancor più straordinario. L'intero museo può essere visto come un immenso intervento site specific. La maggior parte della struttura è infatti ipogea, così da non alterare la natura dell'isola, ma nonostante tutto riceve una gran quantità di luce che gioca sui profili taglienti e gli angoli acuti dell'architettura, animando le severe superfici in cemento. Il museo accoglie in via permanente pochi artisti: Claude Monet, James Turrell e Walter De Maria. Di Turrell troverete le stanze di luce, presentate anche alla 54° Biennale di Venezia, che in un primo momento appaiono dei monocromi bidimensionali, ma dopo essere letteralmente entrati nel "quadro" si rivelano stanze poco profonde pervase da luce colorata. La monumentale installazione di De Maria, intitolata Time/Timeless/No Time presenta invece una sfera nera di circa 2 metri di diametro e ventisette sculture in legno di forma allungata e dorata, illuminate esclusivamente dalla luce naturale che proviene dal soffitto, con continui mutamenti nella percezione d'insieme della grande sala.

    L'iniziativa più significativa dell'isola rimane però l'Art House Projectche che si svolge nel distretto di Honmura e comprende sette case tradizionali giapponesi restaurate e valorizzate con l'intervento di artisti contemporanei. Un progetto che ci costringe a vivere l'arte in modo nuovo. Le abitazioni sono infatti dislocate nel distretto residenziale e per raggiungerle bisogna avventurarsi tra le case, chiedere informazioni e infine perdersi tra la gente dell'isola che conduce la sua vita di tutti i giorni e, come sempre in Giappone, è più che disposta ad aiutare il prossimo. Il percorso comincia nell'Honmura Lounge and Archive, una ex cooperativa ora ristrutturata dall'architetto Ryue Nishizawa, che ospita una libreria e un centro informazioni riguardo alle iniziative della Benesse.

    Ricordiamo solo la casa Kadoya, vecchia di 200 anni, ora ristrutturata con materiali rigorosamente locali e valorizzata con l'intervento di Tatsuo Miyajima, Sea of Time '98, la cui realizzazione ha coinvolto i residenti locali. Una serie di numeri scorrono incessantemente sotto un leggero strato d'acqua che invade il pavimento della casa a segnalare lo scorrere inarrestabile del tempo. Il resto sarà tutto da scoprire.

  • GIORNO
    12

    5 NOVEMBRE OKAYAMA/HIMEJI/OSAKA

    Prima colazione, partenza con treno per Himeji.

    Visita del castello di Himeji, forse il più bello in tutto il Giappone. Dichiarato dall'Unesco nel 1993 patrimonio dell'umanità, il castello di Himeji è una delle attrazioni più conosciute e più visitate del Giappone ed è anche il meglio conservato e più interessante dal punto di vista architettonico. Di fatto è fra i pochi castelli medioevali giapponesi che sono giunti integri fino a noi. Si prosegue in treno per Osaka. Tempo libero tempo a disposizione.

    Cena e pernottamento.

  • GIORNO
    13

    6 NOVEMBRE OSAKA/ITALIA - PARTENZA

    Prima colazione, trasferimento in aeroporto con limousine bus e partenza per l’Italia.

SALVA L’ITINERARIO TRA I PREFERITI

Dettagli di viaggio

VISTO

Non è necessario per soggiorni inferiori ai 90 giorni.

HOTEL PREVISTI

Tokyo: Akasaka Excel Hotel Tokyu

Kyoto: Daiwa Roynet Shijo Karasuma

Okayama: Daiwa Roynet Okayama

Osaka: Shin Osaka Esaka Tokyu Rei

ISCRIZIONE ASSICURAZIONE MEDICA E BAGAGLIO

€ 85,00 (rimborso spese mediche fino a € 10.000)

CONDIZIONI INDIVIDUALI DI PARTECIPAZIONE

La quota base s’intende a persona e prevede la sistemazione in camera doppia.

 

Minimo 10 persone: € 4.090,00

Minimo 15 persone: € 3.790,00

Supplemento per camera singola: € 595,00

Tasse aeroportuali e fuel da: € 350,00

ASSICURAZIONE PER ANNULLAMENTO VIAGGIO (FACOLTATIVA)

Su richiesta (copre circa il 4% del totale)

Cambi applicati: 1 YEN = 0,0076 € adeguamento valutario, se necessario, entro 20 giorni dalla data di partenza

 

LA QUOTA BASE COMPRENDE

I voli internazionali e le relative tasse; le sistemazioni in hotel come previsto inclusa la prima colazione; trasferimenti con servizi regolari da e per gli aeroporti; accompagnatore dall’Italia, trasferimento separato dei bagagli da Kyoto a Osaka (1 bagaglio per persona fino a 20 kg); pasti e visite come dettagliato nel programma; trasferimenti in treno con posti riservati in classe turistica; documenti e set di viaggio.

 

LA QUOTA BASE NON COMPRENDE

Le attività opzionali, i pasti a eccezione di quelli menzionati, le bevande; i trasporti extra oltre quelli da programma; spese personali e quanto altro non indicato in “La quota base comprende”.

 

IMPORTANTE

Il viaggio verrà riconfermato anche con un minimo di 8 passeggeri: in questo caso si avrà una guida/accompagnatore locale di lingua italiana invece dell’accompagnatore dall’Italia.