fbpx
I TUOI ITINERARI SALVATI (0)

India: pianeta Sikh e Diwali, festival delle luci

Il Diwali o Deepawali, o festa delle luci, è una delle più importanti feste indiane che si protrae per 5 giorni nel mese di ashwayuja (ottobre). Simboleggia la vittoria della luce sul buio, del bene sul male, della saggezza sull’ignoranza, della speranza sulla disperazione e per questo tutta l’India si illumina e plaude ad un nuovo inizio di salute, prosperità, conoscenza, pace e saggezza.

In ogni parte del paese si susseguono feste con fuochi d’artificio, canti popolari, bagni di latte per le divinità, preghiere devozionali nei templi che si vestono a festa con i drappi più preziosi profumati dall’incenso profuso. Le famiglie si riuniscono e si scambiano doni e cibi prelibati. Per le strade tutti i negozi sono decorati con fiori e foglie secondo un’abilità tutta indiana: si parla, si mangia e ci si diverte perché le divinità, che sono immanenti in ogni essere umano, confermano la loro protezione e il perenne coinvolgimento con gli eventi della vita di tutti gli esseri viventi. Il giorno di festa inizia con un bagno sacro, poi ci si veste con abiti nuovi e si pulisce ogni cosa. Ed è altrettanto importante la pulizia interiore accendendo la luce della felicità che vince il dolore, l’assenza di pace, i dispiaceri, le sconfitte, la miseria e la mancanza di entusiasmo.

Questo viaggio ci fa visitare il Punjab dove la comunità Sikh si riferisce al Diwali con il nome di Bandi Chor Divas. Essi commemorano anche il ritorno del Guru Har Gobind nella città santa di Amritsar, dopo aver liberato 52 principi indù imprigionati dall’imperatore musulmano Jahangir nella prigione di Gwalior.
L’itinerario che si snoda attraverso il Punjab mostra un territorio bellissimo permeato dallo spirito dei più grandi guru. I punjabi sono tanto legati alle tradizioni contadine centrate sui riti della semina e del raccolto. Indossano gli abiti tradizionali, celebrano grandi feste cantando e ballando al ritmo serrato del Bhangra.

Costo

Su richiesta

Durata

12gg

Tipologia viaggio

Viaggio di gruppo, Viaggio evento

Per partenze entro il

31/12/2019

TAPPE PRINCIPALI DELL'ITINERARIO

New Delhi, Amritsar, Bathinda, Patiala, Chandigarh

  • Itinerario
  • GIORNO
    1

    ITALIA / NEW DELHI

    Partenza dall'Italia con voli di linea.

  • GIORNO
    2

    NEW DELHI

    Arrivo all'aeroporto internazionale di Delhi e disbrigo delle formalità di frontiera, ritiro del bagaglio e trasferimento in hotel. Tempo per il riposo e giorno libero. Pernottamento.

  • GIORNO
    3

    NEW DELHI / AMRITSAR

    Prima colazione e partenza in treno per Amritsar, considerata la città santa dei Sikh, cuore del Punjab dove si trovano le terre più fertili e produttive di tutta l'India tanto da essere considerato "granaio dell'India". Arrivo e trasferimento in hotel.

    Nel pomeriggio visita in tutto il suo splendore del famoso complesso del Tempio d'Oro, chiamato anche Darbar Sahib. L'Hari Mandir, la parte più sacra, sorge in mezzo ad un laghetto artificiale, tutto ricoperto da lamine d'oro con le caratteristiche cupole e le pareti di marmo bianco intarsiato con pietre preziose disposte in motivi floreali. Il tempio è decorato dentro e fuori con versi del Granth Sahib (il libro sacro). Può essere visitato da tutti, indipendentemente dalla religione professata, nel rispetto delle norme tradizionali e all'interno vi è un interessante museo che raccoglie dipinti e testimonianze della storia dei Sikh.

    Il tempio è frequentato in qualsiasi ora del giorno e della notte e al tramonto è possibile ammirarlo in un'atmosfera particolarmente magica. Ogni giorno vengono gratuitamente serviti i pasti per 100.000 persone, chiunque lo voglia, proprio secondo lo spirito del sikhismo che si basa sulla totale eguaglianza di ogni essere umano. Intorno al tempio si trova il bazar, il tempio indu di Durgiana e alcune moschee.

    La festa di Diwali presso il tempio è un'esperienza surreale: Guru Har Gobind, come sappiamo, raggiunse Amritsar dopo la prigionia, propria alla vigilia della festa; per questo con l'occasione tutto si illumina e il lago del tempio si copre di piccole candele di terracotta alimentate con ghee puro.
    Pernottamento.

  • GIORNO
    4

    AMRITSAR

    Prima colazione e visita della città, ricca di templi e moschee abitata dai Sikh, popolo fiero e indomito con il caratteristico turbante che si distingue fisicamente per i 5 kakka: la capigliatura, pantaloni corti al ginocchio, il bracciale di ferro, il pettine di legno attorno al quale si arrotola la chioma e il pugnale dall'elsa di ferro. Questa comunità religiosa creata nel 1500 dal guru Nanak ha unito in una nuova religione i valori primari dell'induismo e dell'islamismo.

    Possibilmente visita dei villaggi rurali tipici del Punjab, letteralmente "terra dei cinque fiumi" dove si trovano un'atmosfera, usanze e tradizioni secolari assai diverse da quelle che si riscontrano nel resto dell'India. Oggetti tipici del Punjab sono preziosi manufatti quali scialli decorati con ricami tradizionali, scarpe, abiti dai colori vivaci e minuziosi gioielli d'argento.

    Al tramonto si procede verso il confine Wagah, punto di frontiera fra India e Pakistan. Qui si potrà assistere alla famosa cerimonia dell'ammaina bandiera quando i soldati le onorano in modo suggestivo, ironico e spettacolare. Si partecipa in circa 20 minuti ad un'esperienza di puro teatro, con cori da stadio sui due fronti, balli suggestivi delle ragazze indiane e vocalist che incita la folla. Pernottamento.

  • GIORNO
    5

    AMRITSAR / BATHINDA (190 KM – CIRCA 4/5 ORE)

    Prima colazione. Partenza verso sud per Bathinda. Lungo il percorso sosta a Tarn Taran dove si trovano un bacino artificiale e un tempio. Poi sosta a Khadur Sahib, da cui il guru Angad divulgò per 13 anni il messaggio universale del guru Nanak. Qui si trova un importante gurudwara (tempio sacro per i pellegrini Sikh). Altro luogo di pellegrinaggio è Gobindwal che nel medioevo era luogo di transito delle carovane.

    Vi si trova il Baoli Sahib, un pozzo a gradini per le abluzioni. Quindi proseguimento per Sultanpur Lodhi e Harike Wetland, lo splendido parco naturale paradiso degli uccelli alla confluenza dei fiumi beas e Sutlej. Infine sosta presso il gurudwara Jhulna Mahal. Arrivo a Bathinda, antica città della dinastia Pathan Sur. Pernottamento.

  • GIORNO
    6

    BATHINDA

    Prima colazione. Intero giorno dedicato alla visita degli innumerevoli luoghi di interesse. Iniziamo con il gurudwara Takht Damdama Sahib (fuori città), fra i cinque luoghi più sacri del sikhismo. Si prosegue poi con la visita del centro storico e del forte che contiene all'interno due gurudwara. Sosta al Dhobi bazar, molto popolare in città. Pernottamento.

  • GIORNO
    7

    BATHINDA / PATIALA (160 KM – CIRCA 3 ORE)

    Prima colazione. Partenza per Patiala, dirigendo verso est. Arrivo e nel pomeriggio visite in questa città un tempo capitale di uno stato indipendente. Visita del Sheesh Mahal, il vasto palazzo di tre piani del Maharaja Narinder Singh che si trova dietro al palazzo Moti Bagh, prezioso per le belle sculture. Quindi visita del bel forte costruito da Ala Singh nel 1763 e del gurudwara Dukh Nivaran Sahib, un complesso che si estende su molti acri con una pregevole pavimentazione in marmo bianco e nero. Infine sosta al bazar di Adalat. Pernottamento.

  • GIORNO
    8

    PATIALA / CHANDIGARH (80 KM – CIRCA 2 ORE)

    Prima colazione. In mattinata completamento delle visite con il complesso Qila Mubarak, un tempo costruito in solo fango. Al termine proseguimento per Chandigarh, la città divisa in settori concepita urbanisticamente dall'architetto Le Corbusier negli anni 50 sull'altipiano desertico del Punjab-Har. Pernottamento.

  • GIORNO
    9

    CHANDIGARH

    Prima colazione. Questa volta siamo di fronte a un volto diverso dell'India che si proietta nel modernismo pur conservando lo spirito unico di questa popolazione. Visita del museo della città con opere di arte antica e moderna. Quindi visita del Rock Garden (giardino di pietra), all'interno del settore 1 della città. Il parco contiene una serie di opere artistiche, circa 5000 sculture di Neck Chand, riconosciuto internazionalmente come uno dei massimi esponenti dell'arte alternativa. Visita quindi del Rose Garden, il magnifico giardino impiantato nel 1967 dal presidente Zakir Hussain dove vi sono più di 17.000 piante tra rose e alberi medicinali. Pernottamento.

  • GIORNO
    10

    CHANDIGARH / NEW DELHI

    Prima colazione. In mattinata trasferimento alla stazione ferroviaria e partenza per New Delhi. Arrivo e trasferimento in hotel. Pernottamento.

  • GIORNO
    11

    NEW DELHI

    Prima colazione. Giornata dedicata alla visita del più grande tempio indu di tutta l'India: il Swaminarayan Akshardham, progettato e creato nel 2005 da Pramukh Swami Maharaj, il quinto guru nella successione di Bhagwan Swaminarayan, il grande asceta e leader spirituale nato nel 1781 e conosciuto in tutto il mondo. Il punto focale di questo immenso complesso è il tempio centrale costruito in pietra di marmo rosa senza l'uso di alcun metallo secondo le antiche tradizioni indiane. In tempo utile trasferimento in aeroporto per la partenza dopo la mezzanotte.

  • GIORNO
    12

    ITALIA

    Arrivo previsto in mattinata.

SALVA L’ITINERARIO TRA I PREFERITI

Dettagli di viaggio

VISTO

Obbligatorio. È rilasciato dall’Ambasciata Indiana.

HOTEL PREVISTI

Su richiesta

ISCRIZIONE ASSICURAZIONE MEDICA E BAGAGLIO

€ 85,00 (rimborso spese mediche fino a € 10.000)

CONDIZIONI INDIVIDUALI DI PARTECIPAZIONE

Prezzi su richiesta

ASSICURAZIONE PER ANNULLAMENTO VIAGGIO (FACOLTATIVA)

Su richiesta (circa il 4% del totale).

 

LA QUOTA BASE COMPRENDE

Su richiesta

 

LA QUOTA BASE NON COMPRENDE

Su richiesta