I TUOI ITINERARI SALVATI (0)

Iran: storie millenarie

Questo itinerario si sviluppa nel cuore della cultura e della storia di questo magnifico territorio. Si incontra una natura mutevole, altipiani con magnifici panorami, rocce luminose e grandiose, steppe, deserti e improvvisamente appaiono acqua corrente e giardini colmi di alberi. La luce, lo spazio e i colori scorrono a ondate. Bisogna ricordare che l’Iran è un paese caratterizzato da una fortissima fede islamica: è necessario quindi adeguarsi agli usi e costumi locali nel rispetto delle regole e delle abitudini. Ricordiamo soprattutto che le donne devono rimanere sempre col capo coperto.

Costo

A partire da € 2.965,00

Durata

10gg

Tipologia viaggio

Viaggio individuale

Da prenotare entro il

31/12/2018

TAPPE PRINCIPALI DELL'ITINERARIO

Shiraz, Yazd, Isfahan, Kashan, Teheran

  • Itinerario
  • GIORNO
    1

    SHIRAZ - ARRIVO

    Arrivo all’aeroporto internazionale di Shiraz. Disbrigo delle procedure di ingresso nel paese, ritiro del bagaglio e incontro con il nostro rappresentante locale. Trasferimento in hotel.

  • GIORNO
    2

    SHIRAZ (PERSEPOLI/NAQCH E RUSTAM)

    Pensione completa. Partenza per la visita di Persepoli, che si trova a circa 60 Km da Shiraz.

    Al tempo degli Achemenidi Persepoli doveva servire a dare una grandiosa immagine dell'impero. È qui infatti che principi e governatori venivano a rendere omaggio al re dei re, portandogli i loro doni in segno di buon auspicio. Gli artisti impegnati nella costruzione degli splendidi edifici della città venivano dai più lontani confini imperiali, tanto che la fama del fasto e delle grandiosità persiane giunse a rappresentare, soprattutto per i Greci di Alessandro che poi distrussero la città, il simbolo di lusso più grandioso del mondo.

    Ritornando verso Shiraz sosta a Naqch e Rustam dove a una ventina di metri da terra sono scavate le
    tombe rupestri di quattro re achemenidi, per l'esattezza (da destra a sinistra): Dario II (425-405), Dario I
    (521-485), Serse I (485-465), e Artaserse I (465-424).

  • GIORNO
    3

    SHIRAZ/PASARGADE/YAZD (472 KM)

    Pensione completa.

    Partenza per la visita di Pasargade (130 km) luogo che, secondo la tradizione, Ciro II
    il Grande (559-530 a.C.) avrebbe scelto per costruire la sua capitale, in ricordo della vittoria che aveva
    riportato su Astiage, re dei Medi, che gli permise di rendere la Media una satrapia del regno persiano.

    Qui si trova la tomba di Ciro, originalissima e misteriosa, affatto riconducibile alla classica arte
    achemenide. Da lontano ha l'aspetto di un grande sarcofago poggiato su un piedistallo piramidale; in
    effetti si tratta di una camera funeraria con frontone triangolare che si eleva su un basamento con sei
    gradoni arretrati fatto di enormi blocchi di pietra. La visione di questo monumento tombale incute un
    senso di triste reverenza: la tomba di Ciro, spoglia di ogni fregio, maestosa nella sua semplice
    essenzialità, si eleva sola, abbandonata e desolata in una piana immensa.

    Rimane la memoria ancora rafforzata di un grande uomo, unto da Dio (Is 44 ss) che non solo permise agli Ebrei di ritornare in Palestina, ma dimostrò di essere in ogni occasione un grande stratega, un innovatore, un re mite, magnanimo e tollerante. La sua storia ci è narrata con precisione dalle iscrizioni cuneiformi babilonesi. Prima di essere profanata, la camera sepolcrale era chiusa da una porta di pietra e, a quanto si dice, le spoglie di Ciro riposavano in un sarcofago d'oro.

    Proseguiamo per Yazd, che si raggiunge in circa 4 ore di viaggio.

  • GIORNO
    4

    YAZD

    Pensione completa.

    Intero giorno dedicato alla visita di Yazd, antica città carovaniera dove i mercanti commerciavano sete e tappeti. Yazd è anche un importante centro zoroastriano, da Zarathustra che fondò una delle più antiche religioni e la più importante e meglio nota dell'Iran antico o preislamico.

    Nel pomeriggio visita della moschea del Venerdì, del tempio del Fuoco e di alcuni mausolei. Inoltre sosta alle "torri del silenzio", ultima testimonianza delle cerimonie funebri degli zoroastriani sulle colline a sud di
    Yazd.

  • GIORNO
    5

    YAZD/NAIN/ISFAHAN (323 KM)

    Pensione completa.

    Partenza per Isfahan. Lungo il percorso (circa a metà strada), sosta a Nain per la visita di una moschea originale, tra le più antiche del paese. Al termine proseguimento per Isfahan, tra le città più affascinanti del mondo dove il ricordo della gloriosa dinastia dei Safavidi risplende nelle cupole e nei minareti, dove la maestosità dei monumenti e l'esuberanza delle decorazioni rievocano la raffinata atmosfera di corte e le fastose feste dell'epoca.

  • GIORNO
    6/7

    ISFAHAN

    Pensione completa.

    Due giorni dedicati a questa splendida città, capitale della provincia omonima, situata a 1367 metri d'altitudine in una piana irrigata dallo Zayendehrud, "il fiume che dona la vita".

    Isfahan nel 600 fu una tra le più brillanti capitali dell'Oriente e veniva chiamata con l'appellativo "l'altra
    metà del mondo". La grande piazza centrale della città (ora piazza dell'Imam) è veramente suggestiva col
    suo sfondo di cupole e minareti, colonne e arcate che ormai da più di quattro secoli si compongono in
    un quadro unitario.

    Sulla piazza si affaccia la moschea dell'Imam. È il primo monumento commissionato dallo Scià Abbas, una delle più imponenti e compiute realizzazioni dell'arte safavide. Su un altro lato della piazza si affaccia invece l'elegante e slanciata moschea Loftollah. Di fronte a questa moschea si trova il palazzo Ali Qapu (porta alta) che una volta rappresentava il monumentale accesso ai palazzi reali. La grande terrazza serviva un tempo da loggia reale e da questo eccelso punto di osservazione lo Scià seguiva insieme ai suoi ospiti gli spettacoli che avevano luogo nella piazza. La sala della musica, all'interno del palazzo, colpisce per la straordinaria decorazione delle pareti e della volta, con intarsi che raffigurano bottiglie, flaconi e strumenti musicali che non solo avevano valore ornamentale ma dovevano sicuramente servire a migliorarne l'acustica.

    Poco distante dalla grandiosa piazza si trova il palazzo Chehel Sotun o delle 40 colonne. Nel porticato le venti colonne si riflettono perfettamente nel bacino del parco, tanto che le colonne sembrano essere effettivamente 40. Ricordiamo che il numero 40 ha in tutta l'Asia islamica un valore simbolico ed è considerato un numero fortunato. E ancora la moschea del Venerdì, considerata il più venerabile monumento di Isfahan.

    La visita del bazar è molto interessante, soprattutto nella zona degli artigiani nella quale si ha modo di
    assistere alla lavorazione di argento, rame, intarsi, babbucce e tappeti, con un'abilità e una maestria di
    cui in Occidente si è perso il ricordo. E ancora ricordiamo il quartiere della Jolfa, con la bella chiesa armena.

    Visita di Hasht Behesht (8 paradisi), l'harem estivo dello Scià Abbas. Persi tra le moschee
    azzurre, in un turbinio di polvere, di fronte alle trame inaspettate dei tappeti, uno più bello dell'altro,
    avvolti da un'intimità che si credeva impossibile, si resta davvero intrappolati da un'autentica passione
    per questo paese.

  • GIORNO
    8

    ISFAHAN/KASHAN/TEHERAN (459 KM)

    Pensione completa.

    Partenza verso nord, in direzione di Teheran. Lungo il percorso sosta a Kashan, dove sono visibili le case tradizionali dei mercanti, coi loro bei giardini interni. Arrivo a Teheran in serata e sistemazione in hotel.

  • GIORNO
    9

    TEHERAN

    Pensione completa.

    Visita orientativa della città di Teheran, megalopoli moderna e trafficata, i cui musei sono veramente considerevoli.

    Quello che subito colpisce della capitale è il suo aspetto poco orientale, dovuto al fatto che Teheran è una città relativamente giovane in contrapposizione a un impero dalle tradizioni così antiche. La città, che ha assunto la funzione di guida del paese, si è trasformata in pochi decenni da un grosso villaggio in una metropoli moderna, intricata, caotica, particolarmente inquinata e con una densità di popolazione elevatissima.

    Qui sono avvenuti i grandi cambiamenti e qui si rappresenta il paese sotto gli aspetti ideologico, culturale, amministrativo e politico. Il suo ingresso nella storia avvenne nel XIII secolo con l'invasione dell'Afghanistan e dell'Iran da parte delle orde del conquistatore mongolo Gengis Khan. La città, situata lungo il percorso della via carovaniera che traversava il paese da nord a sud, cominciò ad acquistare man mano importanza come luogo di sosta e ristoro per i mercanti e i loro seguiti fino a essere prescelta quale capitale dello stato della dinastia dei Cagiari che l'arricchirono di viali, giardini e palazzi.

  • GIORNO
    10

    TEHERAN – PARTENZA

    In tempo utile trasferimento in aeroporto per la partenza.

SALVA L’ITINERARIO TRA I PREFERITI

Dettagli di viaggio

VISTO

Obbligatorio. Si ottiene previa autorizzazione delle autorità locali.
Costo: € 95,00

HOTEL PREVISTI

Hotel 4 e 5 stelle

ISCRIZIONE ASSICURAZIONE MEDICA E BAGAGLIO

€ 85,00 (rimborso spese mediche fino a € 10.000)

CONDIZIONI INDIVIDUALI DI PARTECIPAZIONE

La quota base s’intende a persona e prevede la sistemazione in camera doppia.

Hotel 4 stelle: € 2.965,00

Supplemento per camera singola: € 618,00

 

Hotel 5 stelle: € 3.434,00

Supplemento per camera singola: € 618,00

DOCUMENTI

Per effettuare questo viaggio occorre il passaporto valido per almeno 6 mesi dalla data di inizio del viaggio.

 

ASSICURAZIONE PER ANNULLAMENTO VIAGGIO (FACOLTATIVA)

Su richiesta (copre circa il 4% del totale)

Cambi applicati: 1 USD = 0,86 € Adeguamento valutario, se necessario, entro 20 giorni dalla data di partenza.

 

LA QUOTA BASE COMPRENDE

Trasferimenti in arrivo e partenza; trasferimenti privati con veicoli privati; 9 pernottamenti in hotel 4 e 5 stelle come prescelto; trattamento di pensione completa con bevande analcoliche incluse per ciascun pasto; una bottiglia d’acqua al giorno; guida locale che parla italiano per tutto il viaggio; ingressi e visite come da programma; documenti e set di viaggio.

 

LA QUOTA BASE NON COMPRENDE

Voli internazionali; bevande oltre quelle già incluse; mance; spese personali, extra e quanto altro non indicato in “La quota base comprende”.