I TUOI ITINERARI SALVATI (0)

Namibia: sogno africano

Tre volte più grande dell’Europa, l’Africa occupa un quinto delle terre emerse dell’intero pianeta ed è per grandezza il secondo continente dopo l’Asia. In pratica una grande isola che si distende simmetricamente sulla linea dell’Equatore. A sud-ovest, affacciata sull’oceano Atlantico per 1.600 km, ecco la Namibia (823.169 km2 e poco più di 1.500.00 abitanti), tra i fiumi Cunene e Orange, a occidente del 20° meridiano. I confini, secondo l’uso coloniale, sono tracciati seguendo le linee di meridiani e paralleli: a nord l’Angola, a oriente il Botswana (e un piccolo lembo di Zambia) e a sud sud-est il Sudafrica.

La costa arida, sabbiosa e difforme, è caratterizzata da un territorio rialzato a dune che si protendono verso il mare e proteggono le piccole insenature poco profonde. Le dune, disposte parallelamente, si elevano fino a 100 m e penetrano nell’interno per oltre 5 km: in questo modo, oltre a un bellissimo e inconsueto paesaggio, costituiscono un’autentica barriera naturale. Oltre questa barriera, nell’interno, si trova una lunga e ampia striscia di terre basse: il deserto (o pianura) di Namib. Al centro si trova invece un vasto altopiano con vette che giungono fino a 2.400 metri. Infine a oriente si trova la grande conca del Kalahari, inciso dall’azione erosiva dei corsi d’acqua che hanno creato spettacoli naturali davvero suggestivi. Un territorio stupefacente e vario abitato prevalentemente dai popoli Bantu provenienti dalle regione dei grandi laghi equatoriali.

Il nome “Namibia” (da quello del deserto del Namib che, come abbiamo detto, occupa l’intera fascia costiera) fu imposto dall’ONU nel 1968 per sostituire la vecchia denominazione coloniale “Africa del Sud-Ovest”. Di fatto il paese è indipendente solo dal 1990; i coloni tedeschi vi giunsero nel 1884 e vi restarono fino alla fine della Prima Guerra Mondiale quando venne assegnata e annessa al Sudafrica. La Namibia è dunque un paese di grande varietà, terra di contrasti, di paesaggi dolci e zone aspre, di spazi sconfinati e dune che entrano nel mare; un autentico concentrato del continente nero con il deserto, le savane, le montagne e le antiche etnie.

 

Costo

A partire da € 3.015,00

Durata

10gg

Tipologia viaggio

Viaggio di gruppo

Per partenze entro il

31/10/2019

TAPPE PRINCIPALI DELL'ITINERARIO

Windhoek, Otjiwarongo, Etosha National Park, Damaraland, Swakopmund, Soussusvlei, Kalahari

CALENDARIO DELLE PARTENZE 2018

 

NOVEMBRE DICEMBRE MAGGIO GIUGNO LUGLIO AGOSTO SETTEMBRE OTTOBRE NOVEMBRE DICEMBRE
Mercoledì 7 Martedì 19 Martedì 14 Martedì 11 Martedì 9 Martedì 6 Martedì 3 Martedì 1 Martedì 12 Venerdì 27
Mercoledì 2 Martedì 16 Martedì 13 Martedì 17 Martedì 15
Martedì 20
  • Itinerario
  • GIORNO
    1

    WINDHOEK / OTJIWARONGO (circa 260 km – 3 ore) - ARRIVO

    Arrivo all'aeroporto Internazionale di Windhoek, capitale della Namibia.
    Disbrigo delle formalità doganali, incontro con la guida di lingua italiana e partenza verso Otjiwarongo. Pasti e pernottamento.

    N.B. L'orario di arrivo a Windhoek deve essere prima delle 12.00.

    Otjiwarongo è la capitale e il centro d'affari più importante della provincia namibiana di Otjozondjupa. Le principali strade asfaltate collegano la cittadina a Windhoek, al Triangolo D'oro di Otavi, a Tsumeb e Grootfontein e al Parco Etosha. È una delle città cresciute più velocemente della Namibia, con un ambiente urbano pulito e tranquillo e molti servizi come supermercati, banche, lodge e alberghi. Nella lingua Otjiherero "Otjiwarongo" significa "piacevole luogo dove pascola il bestiame grasso"; ciò dà a intendere che Otjiwarongo si trova vicino alle riserve naturali più ricche del paese. Qui vivono numerosi abitanti che parlano tedesco e lo stile urbanistico ha una forte influenza tedesca.

    L'Otjiwa Safari Lodge è situato nel cuore della bellezza naturale della più antica fattoria della Namibia. Si tratta proprio dell'ultima frontiera dove tranquillità e avventura si incontrano, ideale per chi è alla ricerca di un'autentica esperienza africana senza rinunciare ai migliori standard turistici internazionali.

    Si possono fare diverse attività a contatto con la natura: passeggiate, safari, bird-watching e anche "rhino tracking" su richiesta. Il lodge è inoltre il punto di partenza ideale per visitare le aree circostanti come il Parco Etosha, il Waterberg Plateau e il santuario per la conservazione dei ghepardi. Nel pomeriggio si effettua il primo safari di circa due ore e si potranno incontrare ben 25 specie di animali che includono il rinoceronte bianco, l’antilope nera, l’antilope roana, l’orice, il facocero e la giraffa.

  • GIORNO
    2

    OTJIWA LODGE/ETOSHA NATIONAL PARK (circa 107 km – 1 ora)

    Partenza dopo la colazione per il Parco Etosha.

    Arrivo in tempo per il pranzo e nel pomeriggio safari all'interno del Parco Etosha (con il veicolo e la guida). Dopo il safari partenza per l'Etosha Village (recentemente ristrutturato) e sistemazione nelle ampie e ariose tende fisse con bagno en-suite molto caratteristico.

    Cena e pernottamento.

  • GIORNO
    3

    ETOSHA NATIONAL PARK

    Partenza dopo la colazione per un'intera giornata di safari con la vostra guida all'interno del Parco Etosha. La tassa di ingresso al parco è inclusa. Pasti e pernottamento.

    L'Etosha è un parco nazionale situato nel nord del paese, con un'estensione complessiva di 23.000 km². Nella lingua oshivambo (parlata dall' etnia che popola la regione), il nome "Etosha" significa "grande luogo bianco", con riferimento al colore del suolo del deserto salino che costituisce il 25% dell'area. Il parco ospita 114 specie di mammiferi, 300 di uccelli, 110 di rettili, 16 di anfibi e persino una specie di pesce.

  • GIORNO
    4

    ETOSHA NATIONAL PARK/DAMARALAND

    Dopo la prima colazione si prosegue verso il Palmwag Lodge. Sul percorso si farà una sosta per visitare un villaggio Himba e le formazioni rocciose di Twyfelfontein.

    Gli Himba o Ovahimba

    La popolazione di pastori Himba, che sta lottando per mantenere il proprio antico modo di vivere, è dedita soprattutto al bestiame e conduce una vita nomade. A seconda del periodo dell'anno, si muovono in ambienti diversi. Anche se non indossano molti abiti, vestiti, capigliature e gioielli fanno parte della loro tradizione e cultura – questi oggetti denotano lo status all'interno della tribù. Le donne sono famose per le loro acconciature, si prendono molta cura dell'estetica e dedicano molte ore la mattina al proprio corpo. Ricoprono la loro pelle con una mistura di ocra e resina aromatica per proteggersi dal sole. Questa mistura dona al corpo degli Himba un colore che è caratteristico di questa popolazione. Ideale di bellezza per queste tribù, il colore rosso rappresenta la terra ed il sangue che è fonte di vita. Le donne si acconciano anche i capelli e li ricoprono della stessa mistura.

    Il Palmwag Lodge è un vero paradiso lungo il fiume Uniab, a nord ovest della Namibia, nel territorio conosciuto come “Damaraland” (terra dei Damara). Circondato da un paesaggio spettacolare con foglie di palme che si agitano al vento, il Palmwag Lodge è una delle destinazioni più antiche e popolari del paese. In una concessione attorno al Lodge vivono una grande quantità di zebre delle Montagne Hartman, giraffe, orici, Springbok e Kudu. Il numero dei predatori è il più alto al di fuori del Parco Etosha, con 100 leoni, ghepardi, leopardi e iene. Anche elefanti e rinoceronti neri hanno trovato qui il loro habitat, protetti dall'organizzazione "Save the Rhino Trust". Inoltre vi vivono diverse specie di uccelli che contribuiscono a realizzare in questo territorio una delle maggior concentrazioni di specie endemiche della Namibia.

    Il vino e la cena "à la carte" sono serviti al ristorante. Suggeriamo di rilassarvi in piscina, sotto le palme, sorseggiando un drink del bar Lapa.

  • GIORNO
    5

    DAMARALAND

    Prima colazione al lodge e mattina dedicata ad una bellissima escursione a piedi.

    Il Palmwag Lodge, insieme alla Conservancy di Torra, Conservancy Anabeb e Conservancy di Sesfontein, offre il monitoraggio dei rinoceronti nella concessione di Palmwag e nella Conservancy di Torra. Le comunità beneficiano direttamente di queste escursioni poiché una parte del reddito generato attraverso il monitoraggio dei rinoceronti viene pagato alle aree di conservazione di questa specie. Le escursioni di monitoraggio dei rinoceronti sono guidate da una guida qualificata di Palmwag Lodge e da un tracker qualificato di rinoceronti.

    Cena e pernottamento.

  • GIORNO
    6

    DAMARALAND/CAPE CROSS/SWAKOPMUND (circa 320 KM – 4h e 30/120 km- 2 ore)

    Prima colazione al lodge e partenza per Swakopmund, passando per la Skeleton Coast e Cape Cross (escursione alla riserva di foche).

    Arrivo al Cape Cross Lodge in tempo per il pranzo e proseguimento per Swakopmund. Cena libera. Pernottamento al Beach Hotel, situato a 50m dall'Oceano Atlantico e a poca distanza a piedi dal centro di Swakopmund. L'hotel è una combinazione di architettura moderna e servizi classici. La terrazza sul tetto con vista a 360 gradi sulla città, le dune ed il mare è un valore aggiunto.

    Swakopmund è la seconda più grande città della Namibia e la capitale "estiva" per tradizione. È uno dei luoghi più surreali in questa terra di contrasti. Si arriva in città dopo il passaggio senza fine del Namib Desert, una delle aree naturali più vaste al mondo. È conosciuta come "gioiello della Namibia” perché risplende sotto il sole, tra il deserto ed il mare.

    Attività facoltative includono il surf sulle dune, quad, giro in cammello, escursioni in barca per avvistare delfini e foche (tutte queste attività non sono incluse, a meno che non specificato diversamente). Swakopmund è popolare grazie al suo vecchio fascino e l'atmosfera rilassata, e spesso viene considerata la capitale dell'avventura in Namibia.

  • GIORNO
    7

    SWAKOPMUND/WALVIS BAY/SOUSSUSVLEI (circa 420 km - 6 ore)

    Prima colazione in hotel e partenza per Soussusvlei.

    Lungo la strada si attraversa il Namib Naukluft Park, dove si vedono le misteriose ed endemiche "Welwitschia mirabilis". Sosta ai canyon del "Moonlandscape". Le tasse di ingresso sono incluse.

    Le piante di Welwitschia Mirabilis hanno solo due foglie e possono vivere per milioni di anni. Si trovano in alcune zone della Namibia e dell'Angola. Il modo più facile per trovarle in Namibia è percorrendo la "Welwitschia Drive", sulla strada per Swakopmund, dove si può ammirare anche il "Moon landscape". Ci vogliono due differenti permessi per visitare entrambe le aree. Anche se le piante sembrano avere più foglie, in realtà ne hanno soltanto due che negli anni sono state divise dal vento. Il nome scientifico proviene dal primo europeo che li scoprì, Friedrich Welwitsch, e "mirabilis" deriva dalla loro meravigliosa capacità di sopravvivenza in condizioni estreme.

    Il Moon-landscape (paesaggio lunare) è una distesa praticamente senza vegetazione, a circa 15 km da Swakopmund, caratterizzato da canyon e bizzarre formazioni rocciose che fanno pensare ai visitatori di trovarsi su un altro pianeta. Questo paesaggio si originò 450 milioni di anni fa, quando il fiume Swakop tracciò il suo percorso tra le soffici rocce.

    Cena e pernottamento al Sossusvlei Desert Camp che si trova a soli 5 km dal cancello di ingresso di Sossusvlei e Sesriem Canyon, nel Namib Naukluft Park. Sotto alberi secolari, il Desert Camp offre una vista incredibile sul deserto e sulle montagne circostanti. Nelle parti comuni del Camp sono presenti un televisore, la piscina e due boma perfetti per gli ospiti.

  • GIORNO
    8

    SOUSSUSVLEI E SESRIEM CANYON

    Accompagnati dalla guida del tour, ci si sveglia la mattina presto per partire con il veicolo verso il cancello di Sesriem, la porta di ingresso al Namib Naukluft Park. Passato il cancello, dopo 65 km si trova un parcheggio. Da qui il giro prosegue in auto 4x4. In questo modo si percorrono gli ultimi 5 km di sabbia soffice fino alle famose dune di Soussusvlei. Godetevi il fascino del deserto e delle dune che cambiano colore. Sulla strada di ritorno visita del Sesriem Canyon, la fine di questa magnifica escursione.

    La tassa di ingresso al parco e il transfer in 4x4 sono inclusi. Pasti e pernottamento al Sossusvlei Desert Camp.

    Situato nel cuore del Namib-Naukluft National Park, Sossusvlei è un enorme bacino di creta circondato da altissime dune rosse. Queste possono raggiungere un'altezza di 250 metri e creare un gigantesco mare di sabbia. Il bacino argilloso chiamato anche "vlei" è colpito da frequenti inondazioni del fiume Tsauchab, che si assorbono lentamente nella creta. Con pochissime precipitazioni all'anno, la vegetazione è scarsa.

    Gli scenari mozzafiato e i paesaggi spettacolari rendono Sossusvlei una delle attrazioni più famose della Namibia. Alcuni punti molto noti di questo sito sono: Dead-Vlei, Hidden Vlei e la famosa Duna 45. Sossusvlei offre straordinarie opportunità di fare fotografie uniche, grazie ai forti e costanti cambiamenti di colore, contrasti e ombre.

    Il canyon di Sesriem è lungo circa 1 km e profondo fino a 30 m. Il fiume Tsauchab, asciutto per gran parte dell'anno, lo ha scavato nella roccia sedimentaria nell'arco di un periodo di circa 15 milioni di anni. In afrikaans "Sesriem" significa "sei cinghie" e deriva dal fatto che i primi coloni dovevano usare un sistema di sei corregge per estrarre l'acqua dal fondo della gola. In alcuni tratti il canyon è piuttosto stretto (fino a un minimo di 2 m); in questi punti si formano delle pozze d'acqua perenni, da cui gli animali possono bere.

  • GIORNO
    9

    SOUSSUSVLEI/KALAHARI (circa 320 km – 4 ore)

    Prima colazione e partenza verso il Kalahari, un deserto di eccezionale bellezza. Si tratta di una grande savana sabbiosa semi-arida, ricoperta da un mare di sabbia che copre gran parte del Botswana e gran parte della Namibia e del Sudafrica. Nel pomeriggio si effettua un safari mentre il sole tramonta e prepara la natura al dovuto riposo.

    L’Anib Lodge si trova ai margini del deserto a circa 34 km da Mariental. A est di si trovano grandi stagni che raccolgono l’acqua durante la stagione delle piogge e che interrompono le infinite dune rosse che caratterizzano questo ambiente. Il Kalahari è un ottimo luogo per l’osservazione degli uccelli e della selvaggina autoctona. Il lodge è circondato da un giardino rigoglioso, con grandi alberi ed enormi palme.

    Pasti e pernottamento.

  • GIORNO
    10

    KALAHARI/WINDHOEK AEROPORTO (circa 330 km – 3h e 30)

    Prima colazione. Trasferimento in aeroporto. L’arrivo in aeroporto è previsto non prima delle ore 12.00.

SALVA L’ITINERARIO TRA I PREFERITI

Dettagli di viaggio

VISTO

Non è necessario per soggiorni inferiori ai 90 giorni.

HOTEL PREVISTI

Otjiwa Lodge

Etosha Village

Palmwag Lodge

Beach Hotel

Sossusvlei Desert Camp

Kalahari Anib Lodge

ISCRIZIONE ASSICURAZIONE MEDICA E BAGAGLIO

€ 85,00 (rimborso spese mediche fino a € 10.000)

CONDIZIONI INDIVIDUALI DI PARTECIPAZIONE

La quota base s’intende a persona e prevede la sistemazione in camera doppia.

 

Minimo 2 persone (massimo 12): € 3.015,00

Supplemento per camera singola: € 363,00

DOCUMENTI

Occorre un passaporto valido almeno 6 mesi dalla partenza del viaggio e almeno 2 pagine libere per l’apposizione del visto che viene rilasciato sul posto.

 

ASSICURAZIONE PER ANNULLAMENTO VIAGGIO (FACOLTATIVA)

Su richiesta (circa il 4% del totale)

Cambi applicati: 1 NAD = 0,059 €. Adeguamento valutario, se necessario, entro 20 giorni dalla data di partenza.

 

LA QUOTA BASE COMPRENDE

Hotel 4 stelle per nove notti, trasferimenti e sistemazioni da programma, trattamento di pensione completa ad esclusione di una cena a Swakopmund, escursioni e visite come previsto nel programma, guida locale che parla italiano, documentazione e set da viaggio.

 

LA QUOTA BASE NON COMPRENDE

Viaggio aereo, pasti non previsti, bevande, mance, tasse aeroportuali, spese personali e quanto altro non indicato in “La quota base comprende”.