I TUOI ITINERARI SALVATI (0)

Laos

LAOS

IL PAESE DELLA BIODIVERSITÀ

DESTINAZIONI › ASIA › LAOS

Tour in Laos, la perla dell’Indocina

SCOPRI COSA VEDERE IN LAOS

 

Nato dalla dissoluzione dell’impero coloniale francese, il Laos è il più piccolo degli stati indocinesi e il meno popolato. Qui abitano contadini semplici, spesso costretti a spostarsi a causa del territorio impervio e inospitale. Popolo originario della famiglia Thai, i Lao mescolano i tratti della razza cinese e indiana.
La capitale del Laos, Vientiane, si trova al confine con la Thailandia: ospita il Pha That Luang, un tempio buddista simbolo religioso del paese che attira pellegrini da tutto il paese. Luang Prabang, l’antica capitale del regno di Lan Xang, ospita invece 32 tra i più grandi templi di tutto il sud-est asiatico. Il regno di Lan Xang estese il suo potere su gran parte dell’altopiano di Khorat, nell’attuale Thailandia, ma nel 1694 il sovrano Sulinya Vongsa, ultimo re di Lang Xan, morì senza lasciare eredi: l’impero allora si disgregò e seguirono conflitti con i tailandesi e i vietnamiti in seguito ai quali il Laos divenne povero e si spopolò lentamente.

Oggi il paese è una repubblica democratica popolare che cerca di evolversi da un punto di vista economico, malgrado il suo territorio inospitale e il clima difficile. Oggi si stanno concretizzando importanti progetti per lo sfruttamento del fiume Mekong con impianti idroelettrici e dighe che dovrebbero renderlo navigabile tutto l’anno. Ancora un volta sarà il fiume a portare benessere al piccolo Laos se, ovviamente, lo si saprà gestire tutelando la situazione ambientale di tutti i paesi che attraversa.

Itinerari

Informazioni utili

CULTURA GENERALE E FORMALITÀ DI VIAGGIO

NOME COMPLETO

Rep. pop. dem. del Laos

CAPITALE

Vientiane (730.000 ab.)

FORMA DI GOVERNO

Repubblica socialista

SUPERFICIE

236.800 Km²

POPOLAZIONE

Sul territorio risiedono 47 diverse tribù, che hanno diversi tradizioni e costumi. Queste tribù fanno capo a 3 gruppi principali (Lao Lum, abitanti delle terre basse, Lao Song, abitanti delle montagne e Lao Teung o Lao Kang, abitanti degli altopiani). In base alla lingua parlata, le tribù si possono suddividere in 6 gruppi: Lao-Tai, Mon-Khmer, Mong-Yao, Tibe-Myanmar, Viet-Mouang, Han o Hor. 68% lao loum (lao delle pianure), 22% lao theung (di discendenza protomalese o mon-khmer, vivono sulle pendici delle montagne a media quota), 9% lao soung (tribù hmongo, meo e yao-mien, che vivono ad alta quota), 1% vietnamiti e cinesi.

Territorio

Si estende da nord a sud per circa 1000 km, mentre la larghezza raggiunge appena un centinaio di chilometri. Confina a ovest con la Tailandia e il Myanmar (Birmania), a nord con la Cina, a est con il Vietnam e a sud con la Cambogia. Il paese è attraversato dal fiume Mekong (che scorre per ben 1898 km nel Laos, su un totale di 4200 km). Nella regione di Xieng-Khouang il territorio è generalmente montuoso (la cima più elevata è il Phou Bia, di 2820 metri). La cordigliera dell’Annam segna a est il confine con il Vietnam.

Religione

Circa il 60% della popolazione, prevalentemente i Lao Lum e alcune tribù thai, è fedele al buddismo theravada. In base a questa religione tutti i maschi laotiani devono essere monaci per un breve periodo della vita, generalmente alla fine della scuola e prima dell’inizio del lavoro o del matrimonio. Segue al buddismo il phii, un culto degli spiriti ufficialmente vietato. Alcune tribù praticano l’animismo e il culto degli antenati, altre ancora seguono una versione improbabile del cristianesimo secondo cui Gesù Cristo combattente si rivelerà a bordo di una jeep. Una piccola minoranza, composta principalmente dall’élite che studia nelle scuole francesi, è di fede cristiana.

Clima

Tropicale-monsonico, caldo umido, con piogge nel periodo che va da agosto a ottobre. Le temperature sono più moderate nel periodo da novembre a marzo. A fine marzo/inizio aprile e a fine ottobre/novembre ci sono i monsoni e il tempo è variabile.

Prima di partire si consiglia di consultare le temperature su Weather Underground oppure su Yahoo Weather

LINGUA PRINCIPALE

Lao

FUSO ORARIO

Rispetto all’Italia: +6 (+5 ora legale)

VALUTA PRINCIPALE

Kip

Lingua

La lingua nazionale del Laos è il lao, parlato con un tono di voce molto basso e scritto in caratteri khmer, praticamente identici a quelli cambogiani. Ci sono poi diversi dialetti ciascuno dei quali può essere suddiviso in diverse varianti locali. Tutti i dialetti lao sono strettamente collegati alle lingue parlate in Tailandia, nel Myanmar settentrionale e in alcune zone della provincia cinese dello Yunnan. Tra gli anziani è diffuso il francese, eredità del passato coloniale. I giovani e le persone che orbitano attorno alle attività turistiche parlano preferibilmente l’inglese.

Valuta

Le principali carte di credito sono accettate nei grandi alberghi e nelle più importanti strutture turistiche.

visto e documenti

Passaporto: deve avere una con validità residua di almeno 6 mesi dalla data di partenza.

Visto: da richiedere presso le rappresentanze diplomatico-consolari laotiane. Per brevi soggiorni, si può ottenere anche alla frontiera aeroportuale (Vientiane, Luang Prabang, Prakxe) e anche presso il Thai-Lao Friendship Bridge e gli altri varchi di frontiera internazionali.

Il visto ha un costo di circa 35 dollari, è valido 30 giorni e per farlo occorrono 2 fototessera. Lo si può rinnovare presso il Dipartimento dell’Immigrazione locale.

Vaccinazioni e consigli sanitari

Non sono previste vaccinazioni obbligatorie.

Elettricità

110-220 Volt, con prese a due spinotti rotondi. Consigliamo di portare dall’Italia un adattatore universale.

cucina

La base principale di tutti i pasti laotiani è il riso, con cui sono preparati piatti gustosi con ingredienti freschi come verdure, germogli di mung, pesce d’acqua dolce, pollo, anatra, maiale, manzo o bufalo. Il succo di lime, la citronella e il coriandolo fresco danno al cibo un caratteristico aroma pungente. Per dare sapidità ai piatti si usano vari preparati a base di pesce fermentato. Sono usati anche il peperoncino, l’aglio, la menta, le arachidi macinate, il succo di tamarindo, lo zenzero e il latte di cocco. Tra le bevande è molto comune il whisky di riso o lào-láo, che si beve accompagnandolo con un po’ d’acqua. Molto buona la birra.

Acquisti

L’artigianato si rifà alle diverse abilità degli abitanti che sono ottimi intagliatori, tessitori e cesellatori di oro e argento. Tra gli acquisti da fare: stampe, legno scolpito e laccato, ceramiche, spezie. Sono bellissimi i tessuti ricamati e impreziositi da fili dorati o argentati, sia in cotone che in seta, acquistabili sia nei mercati che nei negozi specializzati oppure nei villaggi, direttamente dai tessitori. I più celebri sono sicuramente quelli di Banh Phanom e Banh Sangkhong, vicino a Luang Prabang. È interessante, a Vientiane, il negozio della Lao Cotton Factory, così come il Talad Sao (Mercato Centrale). Molto bella è la carta fatta a mano con la corteccia d’albero di gelso.

altri consigli

Non comprare articoli che danneggiano la flora, la fauna o il patrimonio artistico del paese. Non sprecare l’acqua: è un bene prezioso.

prima della partenza

È buona norma informare il Ministero degli Esteri del viaggio che si sta per fare. Visita il sito: www.dovesiamonelmondo.it