I TUOI ITINERARI SALVATI (0)

Uganda

UGANDA

L’IMMENSITÀ DELLA SAVANA INCONTRA LE FORESTE TROPICALI

DESTINAZIONI › AFRICA › UGANDA

Viaggio in Uganda, il regno dei gorilla di montagna

SCOPRI TUTTI I NOSTRI TOUR IN UGANDA

 

L’Uganda, cuore dell’Africa orientale, è un paese lussureggiante, un vero gioiello in mezzo al massiccio montuoso del Ruwenzori, la catena più alta dell’Africa; da qui si fa spazio il Grande Nilo Bianco che dà vita alle splendide Cascate Murchison. È il luogo dove l’immensa savana dell’Africa orientale incontra le foreste tropicali, regno degli ultimi gorilla di montagna dagli occhi bruni e profondi, i dolcissimi e socievoli primati più grandi del nostro pianeta; un viaggio in Uganda permette un incontro davvero memorabile con questi giganti il cui codice genetico è uguale per il 95% a quello degli umani. Il paese in tutti suoi aspetti è ancora autentico e preservato dal turismo di massa: un mondo meraviglioso e sconosciuto, tanto amato anche da Winston Churchill.

Nel 1890 un accordo anglo-tedesco ha assegnato l’Uganda alla sfera di influenza della Gran Bretagna. L’autorità coloniale fino al 1945 ha escluso gli africani dalle istituzioni politiche e i primi partiti hanno visto la luce solo negli anni ’50. La Gran Bretagna ha concesso l’autogoverno al paese solo nel 1962.

Dal 1986 Museveni, di etnia hima, è a capo della repubblica presidenziale e ha garantito sempre più spazi di democrazia alla popolazione. La stabilità acquisita oggi permette all’Uganda di contendere al Kenya il ruolo di principale polo dell’Africa centro-orientale.

Itinerari

Informazioni utili

CULTURA GENERALE E FORMALITÀ DI VIAGGIO

NOME COMPLETO

Repubblica dell’Uganda

CAPITALE

Kampala (1.788.600 ab.)

FORMA DI GOVERNO

Repubblica semipresidenziale

SUPERFICIE

241.000 Km²

POPOLAZIONE

Circa 35 milioni di abitanti.

La popolazione, particolarmente ospitale, cordiale e gentile, conta circa 40 diverse tribù. La maggioranza della popolazione a sud del Nilo (70%) appartiene al ceppo bantu suddiviso in numerose etnie; poi, a nord del Nilo si trovano le tribù del ceppo nilotico arrivati dal sud dell’Etiopia. Il 75% della popolazione si dedica all’agricoltura e all’allevamento.

Territorio

Circondata da circondato da Kenya, Sudan, Congo, Ruanda e Tanzania, l’Uganda comprende quasi la metà del Lago Vittoria (la seconda massa d’acqua dolce al mondo), le mitiche sorgenti del Nilo con cascate imponenti, le Montagne della Luna (massiccio del Ruwenzori) con cime sempre innevate che superano i 4000 metri e ben 10 parchi nazionali.

Religione

Le religioni più diffuse sono il cattolicesimo e l’anglicanesimo.

Clima

L’Uganda si trova a cavallo dell’equatore, quindi il clima è tropicale con temperature che variano in base all’altitudine. Si possono distinguere 2 stagioni: quella secca e quella delle piogge. I mesi meno piovosi sono luglio, agosto e settembre. In generale i mesi da evitare sono quelli che vanno da marzo a maggio.

Prima di partire si consiglia di consultare le temperature su Weather Underground oppure su Yahoo Weather

LINGUA PRINCIPALE

Swahili e inglese

FUSO ORARIO

Rispetto all’Italia: +2 (+1 ora legale)

VALUTA PRINCIPALE

Scellino ugandese (UGX)

visto e documenti

Passaporto: deve avere una validità residua di almeno 6 mesi.

Visto: obbligatorio. Si ottiene all’arrivo e costa 50 dollari.

Vaccinazioni e consigli sanitari

Se si proviene da paesi a rischio, bisogna vaccinarsi contro la febbre gialla. È consigliata la profilassi antimalarica.

Elettricità

La corrente è a 240 volt. Si consiglia di portare con sé un adattatore.

cucina

La cucina è semplice, non molto varia, con influssi della cucina mediorientale, indiana e malese. La base è la polenta di mais, condita con salse di verdure e carne. Molto diffusi pollo, pesce, verdure, legumi e il platano cotto (“matoke”), molto simile alla banana. Il latte di cocco è molto usato per stufare verdure e carni. Tra le bevande si ricorda il “waragi”, una bevanda alcolica fatta con il platano.

Acquisti

I mercatini di Kampala offrono articoli di vario genere, anche se l’artigianato locale non è molto sviluppato. Tè e caffè sono coltivati in abbondanza nel paese e possono essere il souvenir ideale da portare con sé al rientro.

altri consigli

Non comprare articoli che danneggiano la flora, la fauna o il patrimonio artistico del paese. Non sprecare l’acqua: è un bene prezioso.

prima della partenza

È buona norma informare il Ministero degli Esteri del viaggio che si sta per fare. Visita il sito: www.dovesiamonelmondo.it