I TUOI ITINERARI SALVATI (0)

Myanmar – Birmania

MYANMAR – BIRMANIA

IL PAESE DALL’ANIMO GENTILE

DESTINAZIONI › ASIA › MYANMAR BIRMANIA

Viaggio in Birmania: tra storia e ritualità

SCOPRI TUTTI I NOSTRI TOUR IN BIRMANIA

 

La Birmania è il paese delle risaie, delle pagode e dei monaci. La sua è una civiltà contadina che vive di ritmi regolari; qui tutto è tranquillo e silente, all’ombra degli splendidi monumenti del passato legati a fatti straordinari. Ma più che la magnificenza ciò che colpisce è la ritualità pacata, la rigorosa osservanza religiosa senza ombra di fanatismo.

 

La Birmania è la terra di diversi gruppi etnici, molto vicini ai tibetani, che intorno all’VIII secolo si sono stanziati lungo il corso del fiume Irrawaddy; da qui hanno dato vita a potenti e innumerevoli regni tra cui quello illustre di Pagan. Il primo impero nacque nel 1753 dall’unione dei regni indipendenti: era l’impero birmano unificato, con capitali prima Sagaing, poi Ava e Amarapura, un impero sempre travagliato e mai stabile perché non riuscì mai a rappresentare le esigenze e la volontà di etnie tanto diverse. In seguito altre città si sono succedute come capitali dell’impero, in un’alternanza che dipendeva dal concetto tipicamente buddista di provvisorietà.

 

Il grande fiume Irrawaddy che attraversa la Birmania, lungo oltre 2000 Km, ha avuto un’importanza fondamentale nello sviluppo della civiltà, come del resto ogni grande fiume ricordato dalla storia. I suoi rami si stendono nel paese attraverso i monti e irrigano le grandi coltivazioni, tra tutte quelle del riso, determinante per le popolazioni orientali.

Un viaggio in Birmania ti farà conoscere un popolo di buddisti fedeli, contraddistinto da una gentilezza d’animo che non ha eguali; un popolo che alle difficoltà contrappone sempre generosità, comprensione e amore. Lo spirito di questa gente non è cambiato nel tempo: lo si ritrova in tutto il paese, soprattutto nei piccoli villaggi dove la vita scorre al ritmo di sempre.

Itinerari

Informazioni utili

CULTURA GENERALE E FORMALITÀ DI VIAGGIO

NOME COMPLETO

Rep. dell’Unione della Birmania

CAPITALE

Naypyidaw (100.000 ab.)

FORMA DI GOVERNO

Repubblica parlamentare

SUPERFICIE

676.577 Km²

POPOLAZIONE

La popolazione complessiva della Birmania è di 51.590.000 abitanti divisi in diversi gruppi etnici tra cui: i mon-khmer che provengono dall’Assam indiano, i karen originari della Cina, i chin e i kachin provenienti dal Tibet, i birmani, anche loro originari del Tibet, e infine gli shan, che vengono dalla Cina interna. Il governo riconosce 67 gruppi tribali, ma è molto difficile risalire a una esatta composizione etnica del paese. A ogni modo i birmani dovrebbero essere il 72%, dell’intera popolazione.

Territorio

Cuore del paese sono i bassopiani centrali dove scorre il fiume Irrawaddy, una zona fertile e importantissima per l’economia del paese. Le foreste ricoprono circa la metà del territorio, che è molto vario da un punto di vista morfologico e alterna montagne, altipiani e vallate. Grazie ai suoi numerosi fiumi, la Birmania è considerata una delle terre più fertili dell’Asia.

Religione

La religione più diffusa è il buddismo. Piccole minoranze professano il cristianesimo e l’islam.

Clima

Il clima della Birmania è tipicamente monsonico, con temperature elevate e piogge tra giugno e settembre concentrate al pomeriggio e alla sera, soprattutto sulle zone costiere. In questi mesi il tasso di umidità è abbastanza elevato. La stagione migliore è quella che va da ottobre a febbraio/marzo, mesi in cui il clima è davvero piacevole. La regione Shan è sempre quella più fredda con un’escursione termica notevole tra il giorno e la notte. Da marzo, per circa 3 mesi, le temperature aumentano fino all’arrivo dei monsoni.

Prima di partire si consiglia di consultare le temperature su Weather Underground oppure su Yahoo Weather

LINGUA PRINCIPALE

Birmano

FUSO ORARIO

Rispetto all’Italia: +5:30 (+4:30 ora legale)

VALUTA PRINCIPALE

Kyat

Lingua

La lingua ufficiale è quella birmana, che deriva dal cinese e dal tibetano. Nel paese si parlano circa 240 dialetti. Nei centri principali si parla anche l’inglese.

Valuta

Le carte di credito autorizzate sono Mastercard, Visa, Visa Electron, Maestro e Cirrus.

visto e documenti

Passaporto: deve avere una validità residua di almeno 6 mesi dalla data di ingresso nel paese.

Visto: da richiedere all’Ambasciata di Roma oppure online sul sito: http://evisa.moip.gov.mm/

Vaccinazioni e consigli sanitari

Non sono previste vaccinazioni obbligatorie.

Elettricità

La corrente elettrica è a 220/240 volt, con frequenti oscillazioni di voltaggio, specialmente di sera. Si trovano prese, in genere di tipo inglese, adatte quindi a spinotti piatti a triangolo con 3 fori. Per l’uso di piccoli apparecchi personali consigliamo di portare un adattatore universale. I black-out totali non sono rari: consigliamo di portare con sé una torcia elettrica.

cucina

Riso, noodles e pane dominano la cucina birmana, che nei sapori ricorda molto quella indiana. Sono abbondanti anche i gamberi, il pesce, la carne di montone e di maiale, ma il vero piatto nazionale è il “monhinga”, una zuppa di pesce con noodles di riso condita con curry, aglio, cipolle e zenzero. Valgono una visita anche le sale da tè, dove si possono assaggiare alcuni piatti tipici tra cui riso, ravioli e involtini ripieni.

Acquisti

Tessuti, gioielli di giada e oggetti d’artigianato non mancano mai in Birmania, che detiene anche il primato dell’esportazione di legno tek: sarà quindi molto facile trovare oggetti fabbricati con questo legno pregiato. Molto carino anche il longyi, un indumento fatto di stoffa e lungo circa 2 metri: è indossato sia dalle donne che dagli uomini.

altri consigli

Non comprare articoli che danneggiano la flora, la fauna o il patrimonio artistico del paese. Non sprecare l’acqua: è un bene prezioso.

prima della partenza

È buona norma informare il Ministero degli Esteri del viaggio che si sta per fare. Visita il sito: www.dovesiamonelmondo.it