I TUOI ITINERARI SALVATI (0)

Etiopia

ETIOPIA

IL PAESE DEI GRANDI RE

DESTINAZIONI › AFRICA › ETIOPIA

Viaggio in Etiopia, la culla dell’umanità

SCOPRI I NOSTRI VIAGGI IN ETIOPIA

 

Il fascino principale di questo paese è dovuto al gran numero di siti storici che comprendono le chiese e i monasteri copti del Tigrai, nelle isole del lago Tana e a Lalibela; con le sue chiese monolitiche, l’Etiopia è davvero la Gerusalemme africana. Qui ci sono anche 9 parchi nazionali, di cui due comprendono i massicci montuosi Semien e Bale; questi parchi, in cui sono protette molte specie di animali, offrono lo spettacolo emozionante di una natura incontaminata e selvaggia. Nessun paese africano ha un ambiente così vario, e per questo in Etiopia trovano il loro paradiso più di 800 specie di uccelli.

La storia e la natura non sono comunque le sole attrattive di questo paese sorprendente: un viaggio in Etiopia è un’esperienza unica per entrare in contatto con il suo popolo così radicato nella sua cultura, partecipare alla vita religiosa attraverso uno dei tanti riti della chiesa copta, incontrare popolazioni come gli Hamer, i Mursi, i Karo e tanti altri, il cui stile di vita attuale è così lontano da quello contemporaneo occidentale. Tanti sono i monumenti dell’Etiopia legati alla cristianità, costruiti dopo che nel 335 d.C. il re Ezana si convertì a questa religione: si tratta di enormi sculture rupestri, castelli, monasteri, chiese e cappelle, con decorazioni e splendidi affreschi ben conservati dal fervore ortodosso dei credenti e dai numerosi sacerdoti eremiti.

L’Etiopia è la culla dell’umanità dove i paleontologi hanno scoperto i resti di Ramidus, antichissimo ominide primitivo progenitore di Lucy, le cui spoglie risalgono a circa 5 milioni di anni fa. Oggi è un mosaico di popoli, di religioni, di culture e di tradizioni. È la terra delle leggende della Regina di Saba, di Re Salomone e dei Falasha, gli ebrei neri. E ancora, è il paese del millenario Regno di Axum, con i suoi misteriosi obelischi; è la terra dove si trova Gondar, la “Camelot africana”, con i suoi castelli medievali. È anche la terra dei 66 vulcani, dei grandi laghi e luogo di partenza del Nilo Azzurro, fonte di vita per l’intero Egitto. Infine è la terra in cui, secondo la leggenda, i monaci copti custodiscono l’Arca dell’Alleanza.

Itinerari

Informazioni utili

CULTURA GENERALE E FORMALITÀ DI VIAGGIO

NOME COMPLETO

Rep. fed. dem. d’Etiopia

CAPITALE

Addis Abeba (3.273.000 ab.)

FORMA DI GOVERNO

Rep. semipres. federale

SUPERFICIE

1.133.882 Km²

POPOLAZIONE

Circa 100 milioni di abitanti

Territorio

Cuore del paese è l’Acrocoro Etiopico, l’immenso altopiano anche noto come “Tetto d’Africa” che ospita cime che raggiungono i 4.000 metri di altezza: è qui che si estende la maestosa Rift Valley, la formazione geologica nata dopo la separazione delle placche tettoniche avvenuta 35 milioni di anni fa. Testimone della deriva dei continenti, la Rift Valley ospita numerose fosse lacustri e antichi vulcani. Il fiume più famoso del paese è il Nilo Azzurro che nasce dal lago Tana, il più esteso tra i laghi etiopi.

Religione

Il cristianesimo, rappresentato dalla Chiesa ortodossa etiope, è la fede più diffusa in Etiopia; il resto della popolazione è musulmana o professa religioni minori.

Clima

Il clima dell’Etiopia varia a seconda dell’altitudine: caldo nelle zone più basse, fresco nelle zone ad alta quota, temperato nella zona dell’altopiano. La stagione delle piogge interessa il paese soprattutto da giugno a settembre, quando i monsoni colpiscono l’altopiano e la zona montuosa a sud-ovest. Da ottobre a marzo la stagione invece è più secca, mentre tra aprile e maggio cade la stagione delle piccole piogge, con rovesci che non durano mai a lungo. La zona più piovosa è sicuramente il sud-ovest, dove la vegetazione cresce rigogliosa proprio grazie alle abbondanti precipitazioni.

Prima di partire si consiglia di consultare le temperature su Weather Underground oppure su Yahoo Weather

LINGUA PRINCIPALE

Amarico

FUSO ORARIO

Rispetto all’Italia: +2 (+1 ora legale)

VALUTA PRINCIPALE

Birr

Lingua

Le lingue più diffuse sono l’Amarico, il Tigrigno e l’Oromo. L’inglese è abbastanza conosciuto.

Valuta

Dal 1976 la moneta ufficiale è il Birr. Le carte di credito sono accettate solo nella capitale.

visto e documenti

Passaporto: deve avere una validità residua di almeno 6 mesi.

Visto: da richiedere presso l’Ambasciata d’Etiopia a Roma. Il visto si può ottenere anche all’arrivo all’aeroporto di Addis Abeba (fanno eccezione i cittadini italiani di origine eritrea).

Vaccinazioni e consigli sanitari

La vaccinazione per la febbre gialla è obbligatoria per i viaggiatori che provengono da altri paesi africani. Se si visitano zone al di sotto dei 2000 metri, si consiglia il vaccino anti-malaria.

Elettricità

La corrente è a 220 V. Le prese sono di tipo D, J e L. Si consiglia di portare con sé un adattatore universale.

cucina

Tra i cibi tipici della cucina etiope c’è innanzitutto l’Injera, il pane lievitato e spugnoso sul quale si servono tutte le pietanze. Molto usato è il berberrè, una polvere a base di peperoncino, aglio e altri aromi, dal colore rosso vivo e molto piccante. Il kibo invece è il burro preparato con latte di mucca, aglio e zenzero, dal forte odore speziato. Un antipasto tipico sono i samosa, i fagottini di pasta fritti ripieni di carne o verdure condite con peperoncino fresco. Si mangia spesso anche lo stufato di pollo con uova, cipolla e berberrè, ma molto diffusi sono anche lo stufato di manzo e di pecora. Infine si trovano in abbondanza verdure, lenticchie, bietola e piselli. Fra i dolci ricordiamo i chicchi di pane dolce fritti e colorati, mentre tra le bevande vale la pena citare i vini aromatici di produzione locale, le birre, le grappe aromatizzate, il tè e il caffè tostato, macinato e preparato al momento di essere servito.

Acquisti

I mercati e i negozi specializzati offrono moltissimi oggetti d’artigianato come sculture in legno e manufatti religiosi, ma valgono l’acquisto anche i tessuti, gli abiti tradizionali, i tappeti, i gioielli e le ceramiche. Da comprare anche i profumatissimi incensi e il caffè, uno dei più buoni al mondo.

altri consigli

Non comprare articoli che danneggiano la flora, la fauna o il patrimonio artistico del paese. Non sprecare l’acqua: è un bene prezioso.

prima della partenza

È buona norma informare il Ministero degli Esteri del viaggio che si sta per fare. Visita il sito: www.dovesiamonelmondo.it