I TUOI ITINERARI SALVATI (0)

Giappone

GIAPPONE

IL PAESE DEL SOL LEVANTE

DESTINAZIONI › ASIA › GIAPPONE

Viaggio in Giappone: alla scoperta di una cultura millenaria

SCOPRI I NOSTRI TOUR DEL GIAPPONE

 

Il Giappone, proteso come un arco, è l’estremo baluardo del continente asiatico, un grande arcipelago composto da 4 isole principali circondate da una miriade di isole e isolotti minori. Il nome “Nihon”, o Nippon” non è che la pronuncia giapponese del cinese “Jihpen” che significa “il paese dell’origine del sole”. È proprio dalla Cina che giungono le prime notizie storiche sul Giappone attraverso l’opera di Han Shu nel I secolo d.C. e l’opera di Wei Zhi del III secolo d.C.; le più antiche fonti storiche giapponesi invece risalgono solo all’VIII secolo. Dalla Cina provengono anche la prima civiltà, la religione e la scrittura che i giapponesi nel corso dei secoli hanno studiato e adattato a precisi e personali canoni estetici e linguistici. Una perfetta capacità di intuire, studiare, indagare, rielaborare e riprodurre ha consentito a questo popolo tenace e paziente di raggiungere risultati straordinari nella sua lenta conversione alla modernità.

 

Tutto il moderno sistema economico e sociale del Giappone si basa sul lavoro di ogni singolo individuo, in totale e piena dipendenza dal gruppo cui appartiene. Il lavoro incessante e comunitario pone la collettività al di sopra di ogni altro interesse. Ogni azione, in Giappone, tiene e deve tener conto dell’altro: si usa la mascherina quando si è raffreddati, per non contagiare gli altri, e si usano i guanti alla guida di un’auto che poi sarà usata da qualcun altro. L’inchino è un dovere, sentito e profondo: è un segno di grande rispetto con cui si sottolinea la scala gerarchica. Gli evidenti contrasti sociali, il rigore delle tradizioni, la maniacale propensione all’organizzazione e all’efficienza, la perfetta armonia dei giardini, l’inquietudine, la frenesia richiederebbero mesi di permanenza solo per cogliere la parte superficiale di una cultura millenaria e permeabile, tanto lontana dalla nostra.

Itinerari

Informazioni utili

CULTURA GENERALE E FORMALITÀ DI VIAGGIO

NOME COMPLETO

Stato del Giappone

CAPITALE

Tokyo (31.139.900 ab.)

FORMA DI GOVERNO

Monarchia parlamentare

SUPERFICIE

372.824 Km²

POPOLAZIONE

128.000.000 abitanti di cui 99% giapponesi (tra cui gli indigeni Ainu) e 1% coreani, cinesi, brasiliani, filippini e altri.

Territorio

Il Giappone è un arcipelago che comprende 4 isole principali, Honshu, Hokkaido, Shikoku e Kyushu, e più di 6.800 isole minori. Rilievi montuosi e profonde vallate si alternano in questo paese in gran parte di origine vulcanica. Uno dei simboli del Giappone è il Monte Fuji, la vetta più alta, riconosciuto come sito culturale dell’Unesco. In tutto il paese è molto frequente l’attività sismica: questo ha reso il Giappone uno degli stati più all’avanguardia nella tecnologia anti-sismica.

Religione

Shintoismo e buddismo sono le religioni più diffuse. Tra gli altri culti praticati ci sono il taoismo, l’induismo, l’islam e il cristianesimo.

Clima

Vista la sua estensione, a seconda delle regioni il Giappone presenta diverse fasce climatiche; in generale comunque il clima è mediterraneo-temperato. Le stagioni migliori per visitare il paese sono sicuramente la primavera e l’autunno, quando le temperature sono molto gradevoli; a giugno inizia la stagione delle piogge, mentre da luglio il caldo estivo esplode con temperature elevate (tra i 37° e i 38°) e un tasso di umidità molto alto.

Prima di partire si consiglia di consultare le temperature su Weather Underground oppure su Yahoo Weather

LINGUA PRINCIPALE

Giapponese

FUSO ORARIO

Rispetto all’Italia: +8 (+7 ora legale)

VALUTA PRINCIPALE

Yen giapponese

Lingua

La lingua ufficiale è il giapponese. La conoscenza dell’inglese è molto scarsa, anche se i giapponesi nel quotidiano usano molte parole di derivazione inglese, adattate alla loro pronuncia: chi non conosce le regole fonetiche del giapponese farà non poca fatica a comprenderle. La lingua giapponese comprende 3 alfabeti: hiragana, katakana e kanji. Un tempo i giapponesi scrivevano solo in verticale, ma oggi è molto diffusa anche la scrittura orizzontale.

Valuta

Le maggiori carte di credito sono accettate, mentre i bancomat potrebbero non funzionare: al momento si possono usare quelli che riportano la scritta “CIRRUS”, ma prima di partire suggeriamo di verificare con la propria banca per evitare problemi. È comunque possibile usare il bancomat presso gli uffici postali locali.

visto e documenti

Passaporto: deve essere in corso di validità. È necessario avere con sé biglietto aereo di ritorno.

Visto: non è necessario per soggiorni inferiori ai 90 giorni.

Vaccinazioni e consigli sanitari

Non sono previste vaccinazioni obbligatorie.

Elettricità

La corrente elettrica è a 100V, con 2 differenti frequenze: 50 Hertz nel Giappone orientale e 60 Hertz in quello occidentale (incluse Nagoya, Kyoto e Osaka). Si consiglia di portare con sé un trasformatore e un adattatore universale.

cucina

Ricercata e ricca di sapore, la cucina giapponese è ben lontana dall’offrire solo sushi, cibo che si è imposto nell’immaginario collettivo come piatto simbolo del Giappone al pari della nostra pizza.

Pilastro dell’alimentazione giapponese è il riso che si mangia a ogni pasto, colazione inclusa. Si cucina in tanti modi: bollito, fritto, e lo si condisce con porri, uova, verdure e molto altro ancora. Molto amati sono anche i noodles, simili a dei tagliolini, tra i quali i più apprezzati sono la soba, una pasta di grano saraceno, e gli udon, preparati con la farina di frumento. Carne e pesce sono abbondanti a tavola: molto buono il sukiyaki, preparato con carne e verdure bollite a lungo in un brodo insaporito con salsa di soya, zucchero e sakè; poi ci sono il tonkatsu (una cotoletta di maiale impanata e fritta), i kushiyaki (spiedini di maiale e peperoni marinati), i yawatamaki (involtini di manzo e porri) e tanti altri piatti molto gustosi. Ottimi anche il tempura, la frittura di pesce e verdura, e il sashimi, ovvero piccole fette di pesce crudo da insaporire nella salsa di soia.

Tra i condimenti non possono mancare le alghe, la salsa di soia, il miso, il mirin (un vino dolce), lo zenzero, il piccantissimo wasabi e tante altre spezie che si usano per insaporire carne e verdure.

Le bevande tradizionali sono il sakè, un vino di riso bevuto sia caldo che freddo, birra, vino e l’immancabile tè verde, spesso offerto nelle case e nei ristoranti in segno di ospitalità.

Acquisti

È Tokyo indubbiamente la città asiatica che offre maggiori possibilità di shopping grazie ai suoi ricchi centri commerciali aperti tutti i giorni della settimana, anche se in generale in tutte le città giapponesi si trovano negozi di souvenir e di articoli da regalo.

Naturalmente la scelta di materiale elettronico è davvero vastissima, tra hi-fi e macchine fotografiche, ma nei negozi si trovano anche articoli dell’artigianato locale; tra questi ci sono le bambole, oggetti di grande bellezza: quelle più costose, da esposizione (kyo-ningyo), sono di legno rivestito da una pasta bianca e abbigliate con i costumi tradizionali. Molto popolare è anche la bambola daruma, una figura dal volto rosso con espressione feroce e la barba; secondo la tradizione le daruma hanno il potere di avverare i desideri: per esprimerne uno bisogna annerire uno dei loro occhi; se il desiderio si avvera, bisognerà annerire anche l’altro.

Le lacche hanno in Giappone tradizioni antichissime: un tempo gli oggetti venivano rivestiti da lacca per proteggerli dagli agenti esterni, oggi invece si tratta di una gradevole decorazione spesso unita a polveri d’oro e d’argento, avorio, madreperla e metalli. Si trovano soprattutto oggetti di uso quotidiano laccati come ciotole, piatti, vassoi, cucchiai e armadietti. Anche i ventagli e i kimono godono di grande fama. I primi possono essere a pieghe (sensu) o piatti; i sensu normalmente sono usati nelle cerimonie o come doni di buon auspicio. I kimono sono gli abiti tradizionali e possono avere colori e ricami anche molto ricercati e di grande valore.

Il Giappone è rinomato per i vasi, le ceramiche, le ciotole per il tè, i piatti da portata e via dicendo; i vasi più famosi e pregiati sono quelli dipinti a mano di color rosa, verde e blu su fondo bianco, prodotti nel quartiere di Kiyomizu, a Kyoto. Qui si possono trovare anche le famose perle coltivate. I giapponesi fanno dei regali e della loro confezione una vera arte: un dono è un modo per scambiarsi un segno di riconoscimento, ringraziamento o affetto e la cura che i giapponesi mettono nell’incartare i regali è davvero unica: ovunque si acquisti un prodotto, anche se piccolo o poco costoso, il pacchetto sarà splendidamente incartato.

altri consigli

Non comprare articoli che danneggiano la flora, la fauna o il patrimonio artistico del paese. Non sprecare l’acqua: è un bene prezioso.

prima della partenza

È buona norma informare il Ministero degli Esteri del viaggio che si sta per fare. Visita il sito: www.dovesiamonelmondo.it