I TUOI ITINERARI SALVATI (0)

Papua Nuova Guinea

PAPUA NUOVA GUINEA

IL PAESE DEI GUERRIERI

DESTINAZIONI › OCEANIA E PACIFICO › PAPUA NUOVA GUINEA

Il tuo viaggio in Papua Nuova Guinea

UN AVAMPOSTO DI NATURA INCONTAMINATA

 

La Papua Nuova Guinea, stato orientale dell’isola di Nuova Guinea indipendente dal 1975, è una terra di esplorazioni, antica e suggestiva, fra gli ultimi avamposti di una natura del tutto incontaminata. È abitata da una popolazione frammentata di tribù indigene vissute in quasi totale isolamento: i melanesiani, che si concentrano nella costa nord, e i papuani, al centro e al sud, che parlano ben 850 lingue diverse.

Ogni anno a maggio si celebra il Sing Sing di Tambuna, un evento tra i più spettacolari al mondo che si tiene in un luogo, culla degli antropologi, in cui tutti sognano di poter giungere almeno una volta nella vita. È una vera esplosione di colori: centinaia di guerrieri che provengono da ogni tribù della regione danzano accompagnati dal suono frenetico dei tamburi; imitano il comportamento degli uccelli durante le fasi del corteggiamento e indossano piumaggi variopinti, collane di conchiglie e zanne di cinghiale, pitture corporali e cappelli alti anche un metro. La competizione premia la performance che ha attirato più consensi per il fascino delle danze e delle musiche, ma anche l’originalità dei costumi e la fierezza del portamento.

Itinerari

Informazioni utili

CULTURA GENERALE E FORMALITA’ DI VIAGGIO

NOME COMPLETO

Stato Ind. della Papua Nuova Guinea

CAPITALE

Port Moresby (307.643 ab.)

FORMA DI GOVERNO

Monarchia parlamentare

SUPERFICIE

452.860 Km²

POPOLAZIONE

5.545.000 abitanti

Territorio

La Papua Nuova Guinea è ricca di boschi che ricoprono quasi l’80% del territorio. Nell’altipiano delle Highlands, ricche di foreste pluviale, s’innalzano i Monti Bismack che raggiungono tra gli 800 e i 1000 m. Il paese si trova lungo la “cintura del fuoco” ed è ricco di vulcani. La fauna e la flora del paese sono a dir poco stupefacenti: il territorio ospita oltre 9.000 specie di piante, più di 300 specie di orchidee e oltre 735 specie di farfalle; sono numerosissimi anche i mammiferi e gli uccelli, tra i più belli del pianeta.

Religione

Il paese è a maggioranza cristiana (90%), ma le credenze ancestrali a matrice animista sono ancora molto radicate.

Clima

La stagione delle piogge si concentra da dicembre a maggio, quindi è meglio evitare questo periodo se si vogliono scongiurare gli acquazzoni tropicali. Da maggio a ottobre il clima è secco: è il periodo migliore per visitare il paese.

Prima di partire si consiglia di consultare le temperature su Weather Underground oppure su Yahoo Weather

LINGUA PRINCIPALE

Inglese, tok pisin e hiri motu

FUSO ORARIO

Rispetto all’Italia: +9 (+8 ora legale)

VALUTA PRINCIPALE

Kina (PGK)

Lingua

Sono presenti oltre 800 lingue locali.

visto e documenti

Passaporto: deve avere validità residua di almeno 6 mesi alla data d’ingresso nel paese.

Visto: obbligatorio. È valido 60 giorni e si può richiedere presso l’Ambasciata d’Australia a Roma.

Vaccinazioni e consigli sanitari

Non sono previste vaccinazioni obbligatorie.

L’assistenza sanitaria è piuttosto limitata nel paese e quasi del tutto assente nelle zone rurali. In casi seri occorre trasferiti in Australia con un aero-ambulanza, ma questo non garantisce di essere accettati in ospedale. Prima della partenza si consiglia perciò di stipulare una polizza assicurativa che copra le spese mediche, il rimpatrio o l’eventuale trasferimento in un altro paese.

Elettricità

La corrente elettrica è a 240 volt. Si consiglia di portare con sé un adattatore. La maggior parte dei villaggi è senza elettricità o ne dispone solo per qualche ora al giorno. I blackout nelle città sono frequenti.

cucina

La cucina tradizionale si basa perlopiù su prodotti locali. Tra i piatti tradizionali ci sono il “kokoda” (una specie di insalata di pesce con salsa di lime e cocco, aceto bianco, cetrioli, pomodori e cipolla) il “kaukau” (purè di patate dolci) e il “mumu” (maiale arrosto). Un ingrediente tipico molto usato in cucina è il “sago”, ovvero un tipo di amido che si ottiene dalla palma usato soprattutto per preparare pane e dolci.

Acquisti

Vale la pena acquistare qualche oggetto del meraviglioso artigianato tribale, ma il paese offre tanti spunti per gli acquisti tra cui maschere, ceramiche, ceste e strumenti musicali.

altri consigli

Non comprare articoli che danneggiano la flora, la fauna o il patrimonio artistico del paese. Non sprecare l’acqua: è un bene prezioso.

prima della partenza

È buona norma informare il Ministero degli Esteri del viaggio che si sta per fare. Visita il sito: www.dovesiamonelmondo.it