I TUOI ITINERARI SALVATI (0)

Isola di Atauro (triangolo dei coralli di Timor est)

Indonesia - Isola Atauro

Nell’arcipelago delle piccole isole della sonda, tra Oceano Indiano e Pacifico

Benvenuti in paradiso!

I ricercatori biologi di “Conservation International” sono concordi nell’affermare che la piccola isola, abitata da 8000 persone, sia circondata dalle acque più ricche di biodiversità rispetto a qualsiasi altro luogo del pianeta: ben 643 specie diverse, alcune del tutto sconosciute, almeno il 10%, e altre rarissime.

L’idilliaca isola di Atauro, visibile al largo di Dili, appartiene proprio a un altro mondo. L’isola, di origine vulcanica, appare con il suo profilo montuoso impressionante con ripidi pendii boscosi che ospitano varie specie di uccelli, molti dei quali endemici. Le coste sono punteggiate da piccoli villaggi di pescatori e agricoltori e sotto l’acqua limpida gran parte dell’isola ha belle barriere poco profonde che si tuffano bruscamente verso l’abisso.

È una piccola isola, poco più di 100 km2 che si trova tra l’isola indonesiana di Wetar e Timor Est, tra i più piccoli stati del mondo, ma epicentro della biodiversità per via della sua posizione oceanografica con acque molto profonde, che raggiungono anche i 3000 metri, e le forti e costanti correnti che portano alle barriere coralline un flusso di acque ricche di nutrienti. Si incontrano balenottere azzurre che migrano qui ogni anno, numerose specie di delfini e infiniti e colorati banchi di pesci di barriera.

Nonostante le cicatrici causate in passato dalla pesca effettuata con esplosivi, ancora non del tutto scomparsa, l’area è ricca di splendidi giardini di corallo, paesaggi marini mozzafiato che stupiranno chi fa immersioni ma anche chi si cimenta solo nello snorkeling. A tutela di questo patrimonio naturalistico i ricercatori stanno operando perché tutta l’area diventi presto un parco marino protetto.

Da maggio a novembre la stagione è asciutta e il periodo migliore per godere in pieno di tutte le attrattive va da aprile a luglio. Per arrivarci ci sono voli giornalieri da Denpasar all’aeroporto Dili, capitale timorese. Poi breve percorso di un’ora in barca a motore. La popolazione è di religione cristiana calvinista con contaminazioni animistiche dell’antica tradizione ancestrale.