I TUOI ITINERARI SALVATI (0)

Ecuador: 3 notti alle Galapagos in nave, sulle orme di Charles Darwin

Le isole Galapagos tanto amate da Darwin con il loro eco-sistema sono ancora in perfetto equilibrio naturale, nonostante i tragici incidenti provocati dagli strumenti degli uomini. Un viaggio nella natura ma anche un viaggio per entrare in contatto con una popolazione allegra ed ospitale.

Costo

Su richiesta

Durata

4gg

Tipologia viaggio

Viaggio individuale, Viaggio di nozze

Per partenze entro il

31/12/2019

TAPPE PRINCIPALI DELL'ITINERARIO

Quito, Guayaquil, Baltra, Pit Craters, Egas Port, Bartolome, Dragon Hill, North Seymour, Bachas Beach, Mosquera Islet, South Plaza, Santa Fe, Pitt Point/Pitt Islet, Cerro Brujo, Cerro Colorado Tortoise Reserve

  • Itinerario
  • GIORNO
    1

    QUITO O GUAYAQUIL / GALAPAGOS - ARRIVO

    Prima colazione e trasferimento in aeroporto per l'imbarco sul volo diretto alle isole Galapagos, dove Charles Darwin gettò le basi della "Teoria dell'evoluzione". Arrivo a Baltra e imbarco per l'inizio della navigazione ed una prima escursione pomeridiana. Sistemazione in cabine standard. Cena a bordo.

  • GIORNO
    2

    GALAPAGOS

    Pensione completa (acqua ai pasti inclusa). Giornata di navigazione con l'esplorazione delle Galapagos con escursione giornaliera.

  • GIORNO
    3

    GALAPAGOS

    Pensione completa (acqua ai pasti inclusa). Giornata di navigazione con l'esplorazione delle Galapagos con escursione giornaliera.

  • GIORNO
    4

    GALAPAGOS/BALTRA/GUAYAQUIL - PARTENZA

    Prima colazione, sbarco e trasferimento in aeroporto. Volo per Guayaquil e attesa del volo di rientro per l'Italia.

In base alla stagione ed alla data di partenza l’itinerario alle Galapagos può variare come segue:

OPZIONE 1

  • Itinerario
  • GIORNO
    1

    BALTRA

    Arrivo a Baltra (2 ore e mezza di volo).

    Incontro con la guida naturalistica e trasferimento in bus al molo (circa 10 minuti).

    Imbarco sulla M/V Galapagos Legend.


    HIGHLANDS - RISERVA TARTARUGHE (SANTA CRUZ)

    Sbarco asciutto.

    Percorso di 45 minuti in macchina ci porterà sulla parte alta dell’isola di Santa Cruz che si trova a nord-ovest di Puerto Ayora, dove si trova una riserva naturale di tartarughe giganti.

    Questi enormi rettili che troverete lungo il percorso boscoso possono pesare tra i 250 ei 300 kg e possono vivere fino a 150-200 anni. L’esperienza di avvicinarsi tanto a loro, nel loro ambiente è senza dubbio un’avventura indimenticabile.

    Lungo questo percorso si potranno ammirare i contrasti dell’isola grazie alla varietà che offre questo ecosistema unico al mondo. Si potranno osservare diverse specie di uccelli tra cui fringuelli di terra e di uccelli pigliamosche.

  • GIORNO
    2

    BARRANCO, PASSO DEL PRINCIPE FELIPE (GENOVESA)

    Sarete meravigliati dalla varietà di vita marina che utilizza le fessure delle scogliere di lava per il riparo.

    Nei pressi dello sbarco si scorgeranno uccelli tropicali dal becco rosso e si potrà osservare una piccola colonia di foche attraversando la baia disseminata di nidi.

    Si sale su una ripida scalinata che inizia sulle rocce; il percorso si snoda attraverso una colonia di uccelli marini pieno di Nazca e sule dai piedi rossi. Nel pianoro il sentiero prosegue verso l'interno che consente di vedere più colonie di nidificazione nel sottobosco di Palo Santo.

    Verso la fine del percorso, su una pianura di lava rocciosa, si potrà osservare il volo degli uccelli delle tempeste. Se si è fortunati, si potrà intravedere anche il Gufo della palude.



    BAIA DARWIN

    Sbarco su una piccola spiaggia di sabbia e di corallo.

    Un breve sentiero si dirige a ovest lungo una laguna di mare e poi su una collina rocciosa che porta ad un punto panoramico che domina la scogliera e la baia di Darwin.

    Lungo il sentiero nei pressi della laguna di mare, i visitatori potranno vedere coppie di gabbiani coda di rondine, gabbiani e aironi della lava. Il sentiero prosegue attraverso boschi di alberi palo santo, di cactus opuntia e Saltbushes, dette “cespuglio di sale”, abitate da fregate e sule dai piedi rossi.

    Questo è uno dei pochi posti nelle isole dove i visitatori sono certi di vedere le Sule dai piedi rossi. Si stima che più di 200.000 sule dai piedi rossi vivano negli alberi e cespugli dell’Isola di Genovesa.

  • GIORNO
    3

    CERRO DRAGON (SANTA CRUZ)

    Sbarco asciutto.

    Si percorre una zona costeggiando una laguna salmastra dove si potranno osservare bellissimi fenicotteri. Il sentiero attraversa una caratteristica zona arida con scarsa vegetazione fino a Dragon Hill, un importante luogo di nidificazione delle iguane terrestri endemiche da cui si gode una splendida vista sulle isole.

    La foresta è la patria di tordi, fringuelli di Darwin, parulidi gialli e colombe delle Galapagos.


    ISOLA DI SANTA FE

    Sbarco in acqua su una spiaggia di sabbia bianca, circondata da una grande colonia di leoni marini; cammineremo in un bosco di cactus endemico alla ricerca dell’iguana di terra di Santa Fe, la più grande e chiara dell'isola. Questa isola è sede di molte specie endemiche, tra cui la poiana, il serpente, i ratti, diversi tipi di fringuelli e una delle quattro specie di tordi delle Galapagos. Snorkeling in acque profonde.

  • GIORNO
    4

    PLAYA BACHAS (SANTA CRUZ)

    Sbarco in acqua (bagnato) sul lato nord di Santa Cruz; dietro la spiaggia si trovano due piccoli la-ghetti con fenicotteri, iguane, uccelli costieri, fringuelli di Darwin, tordi e gabbiani.

    Molto interessante la vegetazione nativa endemica, mangrovie rosse e nere, cespugli di sale e molto altro ancora. Questa spiaggia è uno dei principali siti di nidificazione delle tartarughe marine dell’arcipelago. In media la tartaruga depone circa 70 uova da 3 a 4 volte per poi sospendere la riproduzione per 3-5 anni.

    In questo luogo paradisiaco troveremo anche i resti di una chiatta della marina statunitense affondata nel secolo scorso quando, durante la seconda guerra mondiale, Baltra era base navale. La spiaggia deve il suo nome proprio a questa chiatta, in inglese "Barges" – parola che per la popolazione locale era difficile pronunciare e che per questo viene pronunciata “Bachas”.

    Al termine della visita, trasferimento in aeroporto per il volo di rientro a Guayaquil o Quito.

OPZIONE 2

  • Itinerario
  • GIORNO
    1

    BALTRA

    Arrivo a Baltra (2 ore e mezza di volo).

    Incontro con la guida naturalistica e trasferimento in bus al molo (circa 10 minuti).

    Imbarco sulla M/V Galapagos Legend.



    ISOLA BARTOLOMÉ

    Sbarco asciutto o bagnato.

    S'incontra un affascinante paesaggio lunare costituito da vari vulcani, colate e zampilli di lava e cenere. Si prosegue verso la cima per godere di una vista mozzafiato sulle isole circostanti e del famoso Pinnacle Rock. Si potranno scorgere iguane marine e lucertole del-la lava e sule dai piedi azzurri.

    Opportunità per fare snorkeling e vedere, e forse nuotare, con i pinguini Galapagos, tartarughe marine, lo squalo dalla pinna bianca e una grande varietà di pesci colorati. Per molti visitatori, questa può rivelarsi la migliore delle esperienze di snorkeling. Qui l'acqua è generalmente chiara e ricca di vita marina.

    Per la sua posizione geografica, la mancanza di vegetazione è una conseguenza evidente. In questa zona troviamo le “piante pioniere” - così chiamate per essere state le prime a stabilire le radici: il Tiquilianesiotica (endemica dell'isola) e la Chamaesyce (nota come “tappeto di sabbia”), cactus lava e arbusti Scalesia. Dietro la spiaggia si trovano dune ricoperte da mangrovie.

  • GIORNO
    2

    ISOLOTTO PLAZA SUR

    Approdo asciutto sulla parte settentrionale dell'isolotto.

    La passeggiata inizia con un’imponente foresta di cactus circondata da iguane marine e terrestri. Sulla strada per il punto più alto si osservano uccelli tropicali, tra cui i fetontidi, sule di Nazca e dai piedi azzurri e una giovane e bella colonia di leoni marini.

    Nel sud dell’isola si trova una colonia di piccole iguane terrestri: la popolazione è di circa 300 unità. Si nutrono di tutti i tipi di vegetazione, ma durante la stagione secca sopravvivono grazie ai frutti e ai fiori del cactus Opuntia. Questo è l'unico luogo del Pianeta dove possiamo trovare le iguane ibridi delle Galapagos.



    SEYMOUR NORD

    Sbarco asciutto.

    Questo è forse il luogo dell’arcipelago più visitato dai turisti. Lasceremo Baltra (dove si trova l'aeroporto) e non lontano da Santa Cruz troveremo Seymour Nord. L'isola è stata formata da lava vulcanica sottomarina depositatasi a strati nell'oceano.

    Cammineremo circa 2 ore tra grandi colonie di nidificazione di sule dalle zampe blu e di gabbiani: è l’unico luogo in cui si possono trovare 2 tipologie diverse di fregata (fregata superiore e fregata inferiore).

    Incontro ravvicinato con leoni marini e iguane terrestri e, secondo la fortuna, con i serpenti delle Galapagos.

  • GIORNO
    3

    PUNTA PITT E ISLOTE PITT (SAN CRISTÓBAL)

    Sbarco in acqua seguito da un'intensa escursione su terreno roccioso.

    Il percorso comprende spettacolari panorami tra cui una spiaggia lunga 90 metri e un sentiero che sale fino alla cima del vulcano di tufo. QuestA è probabilmente l'unica area in cui si possono vedere riunite le 3 specie di sule: le sule di Nazca, le fregate dalle zampe blu e quelle dalle zampe rosse, oltre a una colonia di leoni marini.

    Si tratta di un luogo eccellente per un’escursione in canoa, per praticare snorkeling e per poter osservare un’enorme quantità di uccelli marini.



    CERRO BRUJO (SAN CRISTÓBAL)

    Sbarco in acqua.

    Cerro Brujo è un cono di tufo che, in varie parti, è composto da formazioni laviche “AA” e da spiagge bianche (luogo ideale per lo snorkeling e per prendere il sole).

    Visita della laguna e possibilità di avvistamento delle specie di uccelli migratori come ad esempio: Teros Reales (cicogna dal collo nero), Turnstone (uccelli “voltapietra” della famiglia delle Arenarie), chiurli e altre specie di uccelli limicoli e anatre.

    Cerro Brujo offre una splendida vista su Kicker Rock, la parte meridionale di San Cristobal e della costa adiacente.

  • GIORNO
    4

    CERRO COLORADO/RISERVA DELLE TARTARUGHE (SAN CRISTÓBAL)

    Sbarco asciutto a Puerto Baquerizo Moreno.

    Visita del Centro di allevamento e di riproduzione delle Tartarughe Giganti di San Cristóbal dove si potrà approfondire il programma di conservazione della spiecie del Parco Nazionale.

    Tempo a disposizione per visitare la città portuale, per momenti di relax, per una passeggiata o per fare shopping.

    Al termine della visita, trasferimento in aeroporto per il volo di rientro a Guayaquil o Quito.

SALVA L’ITINERARIO TRA I PREFERITI

Dettagli di viaggio

VISTO

Non è necessario per soggiorni inferiori ai 90 giorni.

HOTEL PREVISTI

Su richiesta

ISCRIZIONE ASSICURAZIONE MEDICA E BAGAGLIO

€ 85,00 (rimborso spese mediche fino a € 10.000)

CONDIZIONI INDIVIDUALI DI PARTECIPAZIONE

Prezzi su richiesta

ASSICURAZIONE PER ANNULLAMENTO VIAGGIO (FACOLTATIVA)

Su richiesta (circa il 4% del totale)

Cambi applicati: USD = € 0,90 (adeguamento valutario, se necessario, entro 20 giorni dalla partenza)

 

LA QUOTA BASE COMPRENDE

Su richiesta

 

LA QUOTA BASE NON COMPRENDE

Su richiesta