I TUOI ITINERARI SALVATI (0)

Jaito Hisao: in viaggio da Sapporo alla Lunigiana

Viaggio Sapporo - Lunigiana

Un viaggio lungo 20.000 km

Vogliamo raccontarvi l’insolito viaggio di Jaito Hisao, 34enne professore di geografia di una scuola superiore di un centro vicino a Sapporo, nell’isola di Hokkaido, la più settentrionale del Sol Levante. Jaito Hisao è partito 4 mesi fa da Sapporo per attraversare Asia, Europa e Africa. 3 grandi continenti tutti in sella alla sua moto, una Yamaha 125. Scopo del viaggio: studiare la geografia e approfondire le sue conoscenze in materia, ma anche togliersi la curiosità di ammirare il falò pontremolese di Sant’Antonio, una tradizione ancestrale che si svolge il 17 gennaio sotto il ponte “Pompeo Spagnoli”. Un evento spettacolare, che si rinnova a cura dei contradaioli della parrocchia di San Nicolò.

Jaito Hisao, incuriosito e affascinato da tale manifestazione scoperta casualmente su Facebook, ha deciso quindi di includere questa tappa nella sua stravagante avventura e il sabato pomeriggio alle 16 in Piazza della Repubblica a Pontremoli è giunto a destinazione. Arrivato all’ombra del Campanone ha parcheggiato casualmente proprio davanti all’Ufficio del turismo del Comune e ha prenotato una camera in un B&B del centro storico. Messa la moto sul cavalletto, ha iniziato a guardarsi attorno ammirando la torre del Cacciaguerra che dal 1322 sorveglia la città. Molto socievole e sorridente, come la maggior parte dei giapponesi, ha scambiato quattro chiacchiere in inglese con i passanti incuriositi, chiedendo informazioni sul falò, preoccupato di non essere arrivato in tempo per vederlo. Ha però potuto tirare un sospiro di sollievo quando gli è stato comunicato che la manifestazione si sarebbe svolta di lì a poche ore nei pressi del centro storico.

Il viaggio di questo temerario professore, però non termina qui, poiché il suo programma prevede di arrivare sino alle coste del Marocco dopo aver costeggiato il Mediterraneo francese e spagnolo. Inoltre, annuncia anche di voler visitare il Portogallo per non perdersi nulla della vecchia Europa. Un viaggio lungo e faticoso in sella a una moto, oltre 20 mila km percorsi attraversando anche i territori ostili della Mongolia e Siberia, con il semplice scopo di visitare, conoscere e immergersi in culture e paesaggi diversi.

Un grande viaggiatore, quindi. Un Marco Polo dei tempi moderni.